Tutte 728×90
Tutte 728×90

Pallanuoto M.: Tubisider, vittoria per la salvezza. Battuto Palermo (14-9)

Pallanuoto M.: Tubisider, vittoria per la salvezza. Battuto Palermo (14-9)

Il settebello cosentino dopo una gara combattutissima, nell’ultimo quarto sfodera una prestazione maiuscola travolgendo i siciliani e conquistando tre punti fondamentali contro una diretta concorrente.

marozzo_tubisider

Il numero tre Marozzo mentre sceglie la soluzione migliore (foto mannarino)

La Tubisider Cosenza torna alla vittoria lasciandosi alle spalle la sconfitta di Catania. Questa volta ad inchinarsi a Trocciola e compagni sono stati i siciliani del Cus Palermo che, in partita per tre quarti, si sono fatti letteralmente travolgere dai rossoblù nell’ultimo quarto. Una vittoria importantissima per la Tubisider Cosenza che batte una diretta concorrente per la corsa alla salvezza. La gara, per il settebello bruzio, parte subito in salita con il vantaggio degli ospiti grazie ad una rete di De Francesco. Manna e compagni non si impauriscono e trovano subito il pari con Alessandro Guaglianone bravo a trafiggere l’estremo difensore palermitano Cillari. La Tubisider non si ferma ed in sequenza va a segno quattro volte di fila grazie alla doppietta di Manna ed alle reti di Tracciola e, ancora, di Alessandro Guaglianone. Sembra tutto semplice per i rossoblù ma nel finale di tempo il Cus Palermo accorcia le distanze con una doppietta di Blandino fissando il primo parziale sul 5-3. Nel secondo quarto gli ospiti spingono  e trovano la rete con Ravena bravo a trasformare un tiro di rigore concesso dall’arbitro Palmieri. La Tubisider, però, risponde colpo su colpo e ci pensa Bellone a battere Cillari e a riportare sul doppio vantaggio i rossoblù. Il Cus Palermo non ci sta e trova la rete del 6-5 con Catania abile a mettere la sfera alle spalle del portiere rossoblù Palermo. Subito dopo è ancora Bellone ad andare in rete per i rossoblù allungando nuovamente sugli avversari. Ad 1’22” dal termine Trocciola ha la palla del triplo vantaggio ma la sua conclusione colpisce il palo. Sul capovolgimento di fronte Damiano non sbaglia chiudendo un secondo quarto combattutissimo sul punteggio di 7-6 (2-3). Ad inizio terzo quarto il Cus Palermo con Sutera sfrutta l’espulsione di Alessandro Guaglianone portando il risultato sul 7-7. La Tubisider Cosenza risponde in contropiede con Gianmarco Manna che a tu per tu con l’estremo difensore siciliano colpisce la traversa. A portare in vantaggio i rossoblù ci pensa Marco Trocciola che in contropiede con freddezza infila la rete dell’8-7. Nel finale di quarto, però, il Cus Palermo trova la rete dell’8-8 con Ravera (1-2). Nell’ultimo quarto il settebello cosentino non sbaglia nulla e infila un parziale di 4-0 grazie alle reti di Manna, Bellone e alla doppietta di Trocciola. Il Cus Palermo accusa il colpo ma riesce, comunque, ad accorciare con Sutera. Gol, però, che serve a poco visto che i ragazzi di Francesco Manna colpiscono ancora, prima, con Chiappetta e, successivamente, con Trocciola fissando il risultato finale sul 14-9 (6-1). Una vittoria che consente al settebello rossoblù di allontanarsi ulteriormente dalle zone basse di classifica e di posizionarsi al quarto posto in classifica. A fine gara tanti gli applausi per i ragazzi di Francesco Manna da parte di un centinaio di spettatori che hanno assistito alla sfida. Tra questi c’era anche l’ex allenatore del  Cosenza calcio Gigi de Rosa. (Antonello Greco)  

TUBISIDER COSENZA-CUS PALERMO 14 9 (5-3, 2-3, 1-2, 6-1)

TUBISIDER COSENZA: Palermo, Perillo, Marozzo, Chiappetta(1), Bellone(3), Trocciola(5), Gervasi, Mastroianni, Guaglianone Alessandro(2), Fasanella F., Manna(3), Guaglianone Antonio, Caruso. Allenatore: sig. Francesco Manna.
CUS PALERMO: Cillari, Abbaleo, Occhione, Catania(1), D’Alessandro, Blandino(2), Damiano(1), De Francesco(1), Sutera(2), Matranga, Ravera(2). Allenatore: sig. Pietro Occhione.
ARBITRO: sig. Francesco Palmieri di Cosenza.
NOTE:espulsioni definitive per Marozzo, Gervasi, Alessandro e Antonio Guaglianone della Tubisider Cosenza; De Francesco del CUS Palermo.

Related posts