Tutte 728×90
Tutte 728×90

Giudice sportivo: stop di un turno per Castellano

Giudice sportivo: stop di un turno per Castellano

Tommaso Napoli per la sfida contro il Messina di sabato prossimo non potrà contare sul centrocampista appiedato per un turno. Accolto il reclamo della Battipagliese in merito alla gara del 6/11/2011 contro l’Acireale sospesa per lancio di sassi provenienti dall’esterno dello stadio. Inflitta la perdita della gara ai siciliani per 3-0 a tavolino
arbitro_generico
Il Giudice Sportivo, Notaio Francesco Riccio, assistito dal rappresentante dell’A.I.A., Prof. Antonio Sauro e dal responsabile di segreteria sig. Marco Ferrari nella seduta del 3 aprile 2012, ha squalificato12 calciatori. Tra questi figura un calciatore del Andrea Castellano che nella sfida di domenica scorsa contro la Valle Grecanica ha rimediato la quart ammonizione della stagione. Il centrocampista rossoblù è stato appiedato per un turno e così non potrà essere tra i disponibili nella gara contro il Messina di sabato prossimo. Dopo quasi cinque mesi è stata finalmente presa una decisone in merito alla gara tra Battipagliese e Acireale del 6/11/2011 sospesa a causa di un lacio di pietre proveniente dall’esterno dello stadio. Il giudice sportivo ha deliberato di accogliere il reclamo da parte della Battipagliese ed infliggere all’Acireale la perdita della partita con il punteggio di 3-0. Per quanto riguarda le ammende alle società, La Nuvla San Felice è stata multata di 2500 Euro e dovrà disputare due gare a porte chiuse per il comportamento dei propri sostenitori. Di seguito tutte le decisioni di giornata:

La gara del 6/11/2011 BATTIPAGLIESE – ACIREALE CALCIO 1946 SRL Il Giudice Sportivo, letto il reclamo fatto pervenire a seguito di tempestivo preannuncio dalla BATTIPAGLIESE osserva: la società reclamante chiede che alla ACIREALE CALCIO 1946 sia inflitta la punizione sportiva della perdita della gara di cui all’oggetto ai sensi dell’art. 17 del C.G.S..

Delibera:

1) di accogliere il reclamo;

2) di infliggere all’ACIREALE CALCIO 1946 la punizione sportiva della perdita della gara con il punteggio di 3 – 0;

3) di non addebitare la tassa di reclamo.

Società

Ammenda: 2.500 euro e 2 gare da disputare a porte chiuse – Nuvla San Felice

Per aver, al secondo minuto del secondo tempo, propri sostenitori in campo avverso lanciato getti di acqua e bottigliette di plastica in direzione della panchina della squadra ospitante tanto da costringere l’Arbitro a interrompere la gara per circa due minuti. Nella circostanza alcuni di detti sostenitori si arrampicavano sulla rete di recinzione lanciando sputi e improperi di ogni tipo.; Per avere, al termine della gara, gli stessi sostenitori continuato a lanciare getti di acqua, bottigliette semi vuote ed altri oggetti in direzione dei componenti la squadra ospitante e degli spogliatoi, nonché alcuni sassi che attingevano diverse auto parcheggiate all’interno dell’impianto. Sanzione così determinata in considerazione sia della gravità dei fatti, sia della recidiva reiterata per i fatti

2.500 euro e diffida – Serre Alburni; 2.000 euro e diffida – Sambiase;

Calciatori

2 gare di squalifica

Daniele Conti ed Antonino Genovese (Marsala), Fabio Farelli (Serre Alburni);

1 gara di squalifica

Ignazio Panatteri (Palazzolo), Pasquale Ferraro (Nuvla San Felice), Salvatore Romeo (Palazzolo), Salvatore Maltese (Valle Grecanica), Salvatore Cunsolo (Adrano), Alessandro Sciarrone (Hinterreggio), Noto Alexandro (Nissa), Vincenzo Prestigiacomo (Noto), Andrea Castellano (Nuova Cosenza), Agostino Spicuzza (Serre Alburni).

Related posts