Tutte 728×90
Tutte 728×90

Il Cosenza schianta il Messina (4-1). Ora l’Hinterreggio trema

Il Cosenza schianta il Messina (4-1). Ora l’Hinterreggio trema

Gara perfetta per i lupi. Doppio Arcidiacono, Longobardi e Parisi. La capolista perde a Sant’Antonio Abate ed i lupi ora sono a tre punti dalla vetta. 

parisi_gol_messina

Nello Parisi realizza il gol del momentaneo 2-0 per i Lupi (foto mannarino)

Al San Vito termina con la squadra sotto la Curva Sud in festa. Il poker rifilato al Messina mette le ali ai lupi. L’Hinterreggio infatti, con la sconfitta rimediata in Campania è ora a soli tre punti di vantaggio dalla compagine di Napoli. Gara perfetta per i silani che passano con Longobardi. Poi la rete di capitan Parisi che esulta sotto la curva. Il pareggio di Impagliazzo è solo una illuzione per il Messina che in pochi minuti termina in nove per le espulsioni di Rossi Pontello e Grillo. Il Cosenza amministra il gioco e con Arcidiacono, autore di una spettacolare doppietta, blinda il risultato. Spunta l’arcobaleno al novantesimo sul San Vito. Campionato apertissimo. Cronaca: Gara appena iniziata al San Vito. Napoli rinuncia a Mosciaro. Gli ospiti guadagnano subito un corner con l’attivissimo Corona, fischiato sonoramente quando entra in azione. Risponde il Cosenza con una fiammata di Arcidiacono. Tiro da lla distanza e deviazione in corner. Sugli sviluppi Ciano svetta di testa ma viene nuovamente anticipato. Altro corner e conclusione di Provenzano indirizzata all’incrocio che però è troppo debole. Al 7′ il Cosenza sfiora il gol. Provenzano con un colpo di testa verticalizza mettendo in difficoltà la difesa ospite. Marano si invola solo contro Rossi Pontello ma viene anticipato. Palla per Longobardi che la cede all’accorrente Arcidiacono. Dribbling su un avversario e conclusione ravvicinata. Bravissimo il portiere ospite. Un minuto dopo cross su punizione e Provenzano solo in area sbaglia clamorosamente la misura sul colpo di testa. Ancora silani al 17′. Marano mette in mezzo da destra per Longobardi che ci arriva con la punta del piede. Grande parata di Rossi Pontello che si ripete trenta secondi dopo. Provenzano in mischia colpisce la sfera di tacco. Il portiere con uno strepitoso intervento nega al calciatore siciliano la gioia del gol. Tocca a Corona il compito di spezzare il ritmo dei silani. Il calciatore ex Catanzaro ci prova dalla distanza. Palla fuori fra i fischi del San Vito. Al 33′ punizione di Varriale. Deviazione della barriera e palla che sibila al lato del palo. Sul corner gli ospiti ripartono in contropiede ma Scigliano con una chiusura provvidenziale evita pericoli. Il gol è nell’aria e il Cosenza al 42′ fa centro. Verticalizzazione deliziosa di Romano che lancia Longobardi. l’ariete resiste alla carica di un difensore ospite e con freddezza e precisione batte Rossi Pontello. Dopo due minuti termina la prima frazione di gioco. Si riparte con un cambio fra gli ospiti. Fuori Cocuzza, dentro Campanella. Il Cosenza al 47′ fa le prove con Longobardi che manda la sfera fuori e al 49′ raddoppia. Punizione di varriale dalla destra deviata in area, irrompe Parisi e la butta dentro. Grande esultanza del capitano che va a raccogliere l’abbraccio dei tifosi. Due minuti dopo però, al 51′ gli ospiti trovano il gol che riapre il match. Grillo va via sulla sinistra e prova la conclusione. Franza non trattiene e Impagliazzo ben appostato trova il tap in vincente. Torna a spingere il Cosenza. Al 60′ Romano sfonda sull’out di destra e mette in mezzo per Arcidiacono che viene anticipato da Occhipinti prima della battuta vincente. Ancora Arcidiacono un minuto dopo. L’esterno ex Adrano riceve palla da Marano e calcia di prima intenzione. Palla alta sulla traversa. Al 67′ l’episodio che potrebbe cambiare il volto al match. Romano lancia Longobardi che si invola a rete. Rossi Pontello nel tentativo di anticiparlo frena l’ariete rossoblù toccando la sfera con le mani. Rosso per il portiere del Messina. Cambio quindi per i giallorossi che mandano in campo Cecere al posto di Coppola. Primo cambio anche per Napoli che manda in campo Fiore al posto di longobardi al 73′. Un minuto dopo Messina in nove. Espulso anche Grillo per un fallo da tergo su Marano. All’85’ il Cosenza trova il tris. Gran discesa di Ciano che entra in area e cede la sfera a Fiore, assist per Arcidiacono che scarica tutta la sua rabbia in gol. Risultato chiuso. Al novantesimo Napoli manda in campo Rapisarda al posto di Salvino. gran prova del giovane centrocampista all’esordio da titolare. In campo anche Potestio per Marano. Al novantesimo Potestio la ncia Arcidiacono che con un cucchiaio perfetto firma il poker. Gran rete. Messina al tappeto e campionato apertissimo. (f.p.)

Il tabellino:
COSENZA (4-4-1-1):
Franza; Ciano, Scigliano, Parisi, Varriale; Arcidiacono, Salvino (90′ Rapisarda), Provenzano, Marano (90′ Potestio)); Romano; Longobardi (73′ Fiore). A disp.: Della Corte, Terranova, Potestio, Rapisarda, Biondo, Marano, Fiore. All.: Napoli
MESSINA (3-4-3):
Rossi Pontello; Impagliazzo, Occhipinti, D’Alterio; D’ Angelo (56′ Coulibaly), Coppola (69′ Cecere), Di Dio, Lo Piccolo; Grillo, Cocuzza (46′ Campanella), Corona. A disp.: Cecere, Campanella, Dombrovoschi, Lo Nardo, Coulibaly, Biondo, Alizzi. All.: Bertoni
ARBITRO: Bertani di Pisa
MARCATORI: 42′ Longobardi, 49′ Parisi, 51′ Impagliazzo, 85′, 90′ Arcidiacono.
NOTE: Giornata uggiosa. Spettatori circa 1500 senza rappresentanza ospite. Espulsi: Rossi Pontello per un tocco di mano fuori area. Grillo (rosso diretto); Ammoniti: Salvino, D’Angelo, Coppola, Romano, Arcidiacono.; Corner: 5-4; Recupero: 2′ pt.

Related posts