Cosenza Calcio

La maglia del Cosenza 1914 in ricordo di Morosini

Qualche tifoso dei Lupi ha lasciato la casacca della promozione dalla D alla C2 all’ingresso dello stadio Armando Picchi di Livorno. Per lo sfortunato calciatore oggi l’autopsia.

maglia_cosenza_morosini

La maglia del Cosenza 1914 in mezzo ai drappi in ricordo di Morosini (quilivorno.it)

Si svolgerà stamattina a Pescara l’autopsia di Piermario Morosini, il 25enne centrocampista del Livorno morto ieri dopo un malore in campo durante la partita contro il Pescara del campionato di Serie B. A confermarlo è stato l’agente di Morosini, Ernesto Randazzo, dopo che la fidanzata del giocatore, Anna Vavassori, lo aveva annunciato a tutte le persone presenti davanti all’obitorio di Pescara. La giovane, poco più che ventenne, questa mattina ha avuto il triste compito di riconoscere la salma del giocatore. “Sembrava sorridesse, era bellissimo”, avrebbe detto tra le lacrime la ragazza sorretta dalle sue amiche giocatrici della squadra di pallavolo di Brembate nonché dagli amici del fidanzato. Piermario era “un giovane uomo che aveva sofferto tanto e che chiedeva solo un po’ di felicità, ma è evidente che sabato la risposta è stata no…. Ricordo una persona dolce, educata che parlava a bassa voce ma che si sapeva far rispettare. Era una persona speciale”, ha ricordato dal canto suo Randazzo precisando che il giocatore non aveva mai avuto problemi fisici evidenti: “Era un ragazzo che non soffriva tanto di infortuni, aveva una certa continuità di prestazione e di rendimento e non soffriva neanche di piccoli acciacchi e incidenti”. A Livorno da ieri mattina è un continuo pellegrinaggio di tifosi, ma anche di semplici cittadini che sono rimasti colpiti dalla vicenda e dalla tragica storia personale di Morosini che aveva già perso i genitori e un fratello. Tantissimi i fiori e le sciarpe del Livorno che vengono deposti davanti allo striscione appeso ieri sui cancelli dello stadio, con scritto “Hai lottato fino alla fine, ciao grande Moro”. Da segnalare anche un drappo del Pisa, acerrimo rivale dei labronici e la maglia del Cosenza 1914 relativa alla promozione in C2 della stagione 2007-2008. I tifosi intonano cori come “Nei nostri cuori, Piermario nei nostri cori”. Sul posto anche il sindaco Alessandro Cosimi e i bambini delle scuole calcio livornesi. Quanto alla polemica sul ritardo nei soccorsi, il sindaco di Pescara, Luigi Albore Mascia ha detto che “è stato immediatamente avviato un procedimento disciplinare su questo episodio che riguarda la polizia municipale. Seguiranno dei provvedimenti equi ma anche inflessibili”. Una macchina dei vigili urbani ha ostacolato l’ingresso sul terreno di gioco dell’ambulanza. “Non ci sono giustificazioni, se non la grave leggerezza e superficialità da parte di chi ha lasciato l’auto in quel modo”, dice a chiare lettere il sindaco di Pescara, arrivato per rendere omaggio alla salma del giocatore del Livorno. “Devo dire però che non ha funzionato tutto il dispositivo di sicurezza, anche se questo non è di mia competenza. Non era quello il posto per parcheggiare la macchina. L’agente perciò è sicuramente responsabile, forse il responsabile principale, ma non l’unico”, precisa, prima di preannunciare sanzioni per il vigile: “Si va dalla sospensione dal servizio per 10 giorni fino al licenziamento”. Intanto l’Udinese Calcio “profondamente addolorata per la prematura scomparsa di Piermario Morosini” ha annunciato che “attraverso la onlus ‘Udinese per la Vita’ si attiverà per garantire assistenza alla sorella dello sfortunato calciatore, rimasta sola dopo il tragico evento. ‘Udinese per la Vita’ -spiega il club in una nota- garantirà un primo immediato intervento e si attiverà al fine di fornire, insieme a tutti i club di serie A e serie B, l’assistenza e le cure in modo continuativo e duraturo. Un appello ed un messaggio che ci auspichiamo vengano raccolti da tutti i club di serie A e B”.

Mostra altro

Redazione Cosenza Channel

Cosenza Channel è una testata giornalista nata nel 2008 con l’idea di occuparsi principalmente delle notizie sul Cosenza Calcio. Il successo conseguito sin dai primi anni ha permesso alla testata di avviare una collaborazione televisiva per mandare in onda un format che parlasse di calcio, in particolare dei Lupi e poi delle altre squadre calabresi. La svolta arriva nel 2016, quando la redazione amplia i contenuti del portale d’informazione, pubblicando notizie di attualità. Il 5 settembre 2019 Cosenza Channel si trasforma completamente. Nuova grafica, contenuti esclusivi, con l’obiettivo di crescere e rendere un servizio informativo sempre più attendibile e di qualità.

Articoli correlati

Back to top button
error: Contenuto Protetto Da Copyright Cosenzachannel.it

Adblock Rilevato

Supporta Cosenzachannel.it, disabilita il tuo Adblock per la nostra pagina