Tutte 728×90
Tutte 728×90

Cosenza: Arcidiacono si, Longobardi ni. Parisi e Fiore out

Cosenza: Arcidiacono si, Longobardi ni. Parisi e Fiore out

I primi due, non al top, hanno svolto la rifinitura e potrebbero anche essere in campo dal primo minuto contro il Sant’Antonio Abate. Il capitano e il centrocampista daranno forfait.
napoli_bordo_campo
Sole e caldo estivo per la rifinitura del Cosenza alla vigilia dell’ultima gara casalinga della regular season. Al San Vito sarà di scena il San’Antonio Abate in cerca di punti salvezza. Per i silani, dopo il pari di Battipaglia che li pone a cinque lunghezze dalla capolista Hinterreggio a due gare dal termine, sarà l’occasione di consolidare il secondo posto in vista dei Play-Off. Ritornando alla rifinitura da segnalare le assenze di Parisi (problema ad un piede), Fiore (ginocchio gonfio), Ramunno e Gassama (infortunati di lungo corso). E non era del gruppo neppure l’estremo difensore Della Corte (presumibile non per guai fisici). In totale sono venti i calciatori convocati dal tecnico siciliano: Alassani, Arcidiacono, Biondo, Bruno, Caputo, Castellano, Ciano, Longobardi, Marano, Marchio, Mosciaro, Perri, Potestio, Provenzano, Rapisarda, Romano, Salvino, Scigliano e Varriale. Seppur non al top hanno partecipato alla seduta Arcidiacono e Longobardi. Il primo sarà quasi sicuramente del match. Per il secondo resta qualche dubbio. In tal caso Napoli si affiderà all’estro di Romano alle spalle dell’unica punta Mosciaro. Nell’ipotizzare una formazione per il match di domani il Cosenza potrebbe scendere in campo con il classico 4-4-1-1 formato da Franza tra i pali con una difesa, da destra a dinistra, con Rapisarda, Scigliano, Ciano, Varriale; a centrocampo Marano, Salvino, Romano, Arcidiacono; Mosciaro a supporto dell’ariete Longobardi. Possibile, come precedentemente accennato, che Napoli opti per altri soluzioni inserendo, ad esempio, Provenzano in mediana ed avanzando Romano con Mosciaro punta. Domani il tecnico scioglierà i dubbi dopodiché sarà partita col fischio d’inizio del signor Marchesini di Legnago.
(Antonello Greco)

Related posts