Cosenza Calcio

Cosenza a gonfie vele. Peccato per il giallo a Salvino

I rossoblù dimostrano di essere una squadra con pochi punti deboli e al cospetto di un avversario proveniente da un altro girone segnano altri tre gol con facilità disarmante.

MOSCIARO_IN_ACRobazia_pomigliano

Manolo Mosciaro in uno splendido gesto acrobatico col Pomigliano (foto mannarino)

C’è da stropicciarsi gli occhi guardando il Cosenza di Stefano Fiore. E’ davvero inarrestabile e, complice i campi asciutti del periodo primaverile, sembra che disponga di un turbo diesel non in dotazione altrove. I responsabili dell’area tecnica hanno allestito una rosa senza pecca alcuna, sebbene in tempi non sospetti il presidente Guarascio definì “doppioni” Arcidiacono e Marano e l’allenatore Napoli, ancora imbattuto con i numeri che sono dalla sua parte, trovò il tempo per lamentare l’assenza di un mediano. Contro il Pomigliano è arrivata l’ennesima prova di forza di uno spogliatoio sempre più espressione del suo direttore sportivo, insieme al quale i calciatori hanno festeggiato ieri sera il compleanno dello stesso Arcidiacono. L’ex esterno dell’Adrano è seguito da diversi club della Lega Pro, ma non fa mistero di voler restare a Cosenza con Fiore e Leonetti. I due già seguono da vicino il fratello Salvo, classe ’94 e attualmente al Città di Messina, che giocherà i playoff di Eccellenza contro il Rende. “Biccio” è l’elemento in grado di scardinare qualsiasi retroguardia e di mandare a carte quarantotto i piani dei coach avversari. Quando non segna, cosa rara ormai, procura rigori e induce gli arbitri ad ammonire tre-quattro difensori a partita. Ieri pomeriggio anche Mosciaro ha meritato un voto alto in pagella. E’ stato schierato in un ruolo dove non ha facilità di conclusione, cosa difficile da digerire per un attaccante che ha il gol nel sangue. Nonostante ciò si è sacrificato per i compagni, ha ceduto a Longobardi l’onore e l’onere di battere il penalty da lui conquistato ed ha servito l’assist vincente a Romano. Voleva partecipare alla festa gonfiando la rete in prima persona, ma la sostituzione gliel’ha impedito e Manolo non ha fatto nulla per nascondere il disappunto. Longobardi è un cecchino micidiale, un centravanti vecchia maniera devastante in progressione, capace di reggere alle spallate degli stopper e di centrare il bersaglio in condizioni precarie di equilibrio. Romano detto “il professore” regala calcio, mentre capitan Parisi ha permesso a Scigliano (ieri in panchina) di crescere domenica dopo domenica. Nota positiva anche il completo recupero di Adriano, subentrato nella ripresa e autore di due tiri dalla distanza che hanno chiamato D’Agostino ad altrettanti miracoli per levare la palla dal sette. Salvino invece sarà squalificato. Ha ricevuto il secondo cartellino giallo che gli costerà il quarto turno dei playoff, ma il giovane prodotto della Juniores di Candelieri sta sfruttando al meglio lo spazio concessogli dal trainer palermitano. Attenzione, infine, alle diffide: sono a rischio squalifica Ciano, Marano, Arcidiacono, Longobardi e Provenzano. Domani pomeriggio alle 16 prevista la ripresa degli allenamenti.  (Luca Sini)

Mostra altro

Redazione Cosenza Channel

Cosenza Channel è una testata giornalista nata nel 2008 con l’idea di occuparsi principalmente delle notizie sul Cosenza Calcio. Il successo conseguito sin dai primi anni ha permesso alla testata di avviare una collaborazione televisiva per mandare in onda un format che parlasse di calcio, in particolare dei Lupi e poi delle altre squadre calabresi. La svolta arriva nel 2016, quando la redazione amplia i contenuti del portale d’informazione, pubblicando notizie di attualità. Il 5 settembre 2019 Cosenza Channel si trasforma completamente. Nuova grafica, contenuti esclusivi, con l’obiettivo di crescere e rendere un servizio informativo sempre più attendibile e di qualità.

Articoli correlati

Back to top button
error: Contenuto Protetto Da Copyright Cosenzachannel.it
Close

Adblock Rilevato

Supporta Cosenzachannel.it, disabilita il tuo Adblock per la nostra pagina