Tutte 728×90
Tutte 728×90

Cosenza, Ciano verso un nuovo forfait. Oggi test infrasettimanale

Cosenza, Ciano verso un nuovo forfait. Oggi test infrasettimanale

Il difensore soffre ancora per il problema al flessore. Sono da verificare anche le condizioni di Longobardi che si è sottoposto ad un’ecografia. Intanto la squadra vuole parlare al sindaco.

corona-ciano_playoff

Ivano Ciano in takle su Giorgio Corona nel playoff col Messina (foto mannarino)

Ivano Ciano potrebbe saltare anche la semifinale di Coppa Italia contro il Sant’Antonio Abate, colpa del fastidio al flessore procuratosi una settimana fa nel test infrasettimanle pre-Lavagnese. Il terzino, che sta seguendo una terapia specifica, non si è detto ottimista perché il dolore persiste e in sette giorni poco è cambiato. Ieri era in borghese a brodo campo, mentre oggi pomeriggio (test contro il Vicoletto, squadra che milita nel torneo Acsi) difficilmente prenderà parte alla sgambatura. Probabile, quindi, che Napoli possa puntare nuovamente su Fiore nel ruolo di terzino destro, confermando al cento la coppia Parisi-Scigliano. I due attaccanti del Sant’Antonio Abate, Vitale e Martone, sono tra i più pericolosi dell’intera serie D e affrontarli senza l’uomo di maggior rendimento della retroguardia sarebbe un vero peccato. Ci sono dei problemi anche per Longobardi. Il centravanti dei Lupi si porta dietro un piccolo disturbo all’inguine da un po’ di tempo e per prudenza ha scelto di sottoporsi ad un’ecografia per accertarsi di cosa si tratta e prendere eventualmente le giuste precauzioni. Il bomber, ad ogni modo, sarà in campo a Matera. Per quanto concerne la sostituzione di Arcidiacono squalificato, invece, toccherà a Marano.
Nel frattempo, in relazione al comunicato del presidente Guarascio, la squadra è intenzionata a chiedere un colloquio con il sindaco Mario Occhiuto per esprimere il proprio parere e raccontare la versione dei fatti dello spogliatoio circa l’annata che va concludendosi. Già ieri sono stati presi i primi contatti con i collaboratori del primo cittadino. (Luigi Brasi)

Related posts