Tutte 728×90
Tutte 728×90

Guarascio vuole spalmare i contratti d’immagine

Guarascio vuole spalmare i contratti d’immagine

Il presidente incontrando la squadra avrebbe indicato il 31 agosto come data massima ed ora attende la risposta del gruppo. Per i rimborsi spesa si dovrebbe chiudere al 30 giugno.

guarascio_in_campo

Il presidente del Cosenza Eugenio Guarascio in una recente uscita (foto mannarino)

Che la Nuova Cosenza non sia stata un esempio di puntualità nel corso della stagione è ormai cosa risaputa. La squadra invece ha onorato sul campo la maglia rossoblù ed ha scelto di restare compatta a difendere i colori della città anche se i pagamenti degli stipendi non avvenivano con puntualità. In una conferenza stampa ha sottolineato che gli accordi presi non venivano rispettati, denunciando che le firma di intese raggiunte ad agosto non erano ancora state messe nero su bianco a gennaio. Superato questo step, la lentezze nel far partire i bonifici è continuata inesorabilmente. Guarascio sa di doversi accollare in prima persona le spese restanti per chiudere la stagione e, in virtù di questo aspetto, ieri ha incontrato i calciatori insieme al socio Quaglio. Alla presenza dei responsabili dell’area tecnica che si sono limitati ad ascoltare, i due dirigenti hanno forniteo nuove garanzie (verbali) a chi domenica dovrà vincere la finalissima dei playoff per poter occupare il primo posto nella graduatoria dei ripescaggi in Lega Pro. Il nodo, manco a dirlo riguarda i contratti d’immagine. Se per il rimborso spese previsto dalla Lnd si è in arretrato di tre mensilità (aprile, maggio e giugno), il discorso è differente per i contratti che per tanti atleti rappresentano il grosso dello stipendio. Guarascio ha chiesto di poter dilazionare i pagamenti, sforando così la data del 30 giugno. Avrebbe indicato approssimativamente il 31 agosto come soglia entro la quale sistemare ogni cosa. Lo spogliatoio si è riservato di fornire una risposta nel breve, ma da quanto trapelato non tutti avrebbero gradito la soluzione pur dicendosi disposti ad un ennesimo sacrificio. (Luca Sini)

Related posts