Tutte 728×90
Tutte 728×90

Cosenza-Sandonà: tutto quello che c’è da sapere sui nostri avversari

Cosenza-Sandonà: tutto quello che c’è da sapere sui nostri avversari

Il cannoniere princepe della formazione di Tedino è il kosovaro Llullaku. I biancocelesti sono stati inseriti nel girone C dove hanno conquistato il sesto posto con 48 punti.
sandon
Il Cosenza, domani pomeriggio ore 15.30, affronterà ad Arezzo in campo neutro il Sandonà Jesolo per la finale play-off del campionato di Serie D. Chi vincerà questo match conquisterà il primo posto nella graduatoria per un eventuale ripescaggio in Lega Pro. Il Sandonà Jesolo in questa stagione è stato inserto nel Girone C ed ha terminato il campionato al sesto posto in classifica. La formazione veneta si è qualificata ai play-off grazie alla finale conquistata in Coppa Italia poi persa, però, per 2-1 contro il Sant’Antonio Abate. I ragazzi di mister Tedino sono entrati in gioco nei play-off al quarto turno ed hanno affrontato prima l’Atletico Arezzo in trasferta vincendo ai rigori per 4-3 e poi il Legnago battuto per 2-0 sul neutro di Belluno. La formazione veneta nella regular season ha conquistato 48 punti frutto di 12 vittorie, 12 pareggi e 10 sconfitte realizzando 49 reti e subendone 34. I ragazzi di Tedino tra le mura amiche hanno totalizzato 24 punti collezionando 6 vittorie, 6 pareggi e 5 sconfitte realizzando 27 reti e subendone 16. I biancocelesti hanno ottenuto lo stesso andamento di risultati anche in trasferta con la sola differenza delle reti 22 realizzate e 18 subite. Il miglior marcatore del Sandonà Jesolo risulta essere Llullaku che ha messo la palla in fondo al sacco in ben 14 occasioni di cui una nei play-off proprio domenica scorsa contro il Legnago. Il secondo miglior marcatore della squadra, invece, è Fantin che ha messo a segno nella regular season ben 9 reti. Mister Tedino ama giocare con il 4-3-3 con in avanti Lavagnoli, Fantin e Llullaku che in totale in questa stagione hanno realizzato 26 reti. Nelle ultime uscite , però, il tecnico biancoceleste ha rivoluzionato il sistema di gioco schierando un 4-4-2 con Tomei tra i pali; Pascoliero, Zanette, Zanella e Barbieri sulla linea difensiva; Miniati e Casella in mezzo al campo con Lavagnoli e Gattoni sulle corsie laterali; Nichele spostato in avanti per far valere la sua stazza fisica al fianco del kosovaro Llullaku.  (Antonello Greco)

Related posts

error: Contenuto Protetto Da Copyright Cosenzachannel.it