Tutte 728×90
Tutte 728×90

Cosenza, l’area tecnica ha fretta

Cosenza, l’area tecnica ha fretta

Il presidente Guarascio ha discusso con i calciatori il nodo relativo ai contratti. Poi il numero uno del club silano ha incontrato Fiore, Leonetti e Candelieri. Il direttore sportivo ha chiesto chiarezza. A breve i soci dovranno indicare chi farà parte del nuovo progetto. Il tempo stringe.

arezzossss

Lo striscione con dedica dei tifosi a Parisi e soci.

Pomeriggio di addii e chiarimenti al San Vito. Nei locali dello stadio erano presenti i calciatori che hanno salutato i tifosi e subito dopo hanno provato a chiarire il nodo relativo agli stipendi con l’ad Quaglio e con Eugenio Guarascio. Il presidente ha ribadito a Ciano e compagni che proverà a mantenere fede agli impegni economici presi entro la fine di Luglio, indicando la metà del mese di Agosto come termine massimo. I calciatori hanno stretto la mano a Guarascio riaffermando che oltre quel termine bisognerà chiudere i conti e che il presidente sarà il loro punto di riferimento e l’unico interlocutore.  Subito dopo Fiore, Leonetti, Perri e Candelieri, hanno incontrato i vertici del club silano in una riunione che dovrebbe dare indicazioni sui primi passi da muovere in vista della prossima stagione. Sono diversi infatti i passaggi da compiere e le questioni da chiudere per evitare di ripetere l’errore commesso nell’ultima annata. Bisogna ripartire con programmi seri, evitare ritardi nei pagamenti e passi falsi palesi che hanno contraddistinto l’anno calcistico appena terminato e condizionato l’andamento dellla squadra. Fiore è stato chiaro nelle ultime settimane e non ha perso occasione per ribadire il suo pensiero, condiviso dalla tifoseria. La sua permanenza nel club dipende direttamente dai programmi che verranno messi nero su bianco e dai soggetti che graviteranno intorno al Cosenza. No agli avventurieri in un club che dovrà essere composto unicamente da figure innamorate del club silano e pronte, soprattutto, ad impegnarsi per creare un progetto vincente e serio. E’ evidente anche, che i diverbi avuti nel corso della stagione con Domenico Quaglio sono insanabili. Sono troppe le incongruenze e tanti i passi falsi commessi dalla società che nei mesi caldi ha abbandonato la squadra e non ha individuato le figure in grado di migliorare le tante e tangibili lacune palesate dal club. Nell’incontro era presente anche Francesco Candelieri. Il numero uno del settore giovanile presenterà il conto a Guarascio. Le compagini allenate da Altomare e Branda sono state gestite integralemente da Candelieri che con il suo staff e la collaborazione della famiglia Perri, ha centrato obiettivi prestigiosi. Ora è il momento di tirare una linea perchè le spese sostenute dal presidente delle squadre giovanili dovranno essere discusse e soprattutto, cosa gravemente sottovalutata, riconosciute. Intanto i tifosi hanno sottolineanto con uno striscione il loro attaccamento a Parisi e soci. La squadra ha ringraziato ed in tanti hanno ribadito che attendono una chiamata per tornare in città. A patto che si parli  di un Cosenza nuovo di zecca. Sarebbe un peccato infatti disperdere un tesoro tecnico costruito non senza sacrifici e dal valore indiscusso. Ora la palla passa in mano al presidente Guarascio che non potrà più prendere tempo e dovrà decidere. Affidarsi a figure che lo hanno per sua stessa ammissione lasciato da solo o chiudere i conti, riazzerare, archiviare la stagione e affidarsi allo staff capeggiato da Stefano Fiore. Il tempo stringe e le risposte dovranno arrivare presto ed essere fondate su basi solide.
Incontro Fiore-Guarascio: E’ da poco terminato il summit fra l’area tecnica e il presidente Guarascio, accompagnato dall’ amministratore delegato Domenico Quaglio. Fiore ha dettato le linee da seguire per programmare la prossima stagione e i passaggi da compiere per evitare problemi e rotture. Il Cosenza che verrà ha fretta di proseguire in un lavoro tecnico che ha portato i Lupi a vincere i play off. Fiore e Leonetti hanno chiesto al presidente di chiudere i conti, regolarizzare i pagamenti a tutela dei calciatori chiamati in città e ripartire con forza. Per farlo, Guarascio dovrà al più presto riunire i soci che hanno dato vita a questo progetto per capire chi di loro è intenzionato a proseguire nel cammino al timone dei rossoblù. E’ importante fornire garanzie all’ex calciatore della nazionale italiana che ha chiaramente sottolineato la volontà di ripartire su basi solide e diverse da quelleseguite in questa stagione. Solo chi ama il Cosenza può far parte di questo gruppo. E’ questa in sintesi la richiesta del gruppo Fiore, che ha riaffermato all’unico interlocutore con cui è intenzionato a discutere, la volontà di rinnovare il suo impegno a patto che diversi aspetti della società siano rivisti e corretti. Il presidente ha raccolto le richieste di Fiore ribadendo la volontà di impegnarsi per soddisfare le esigenze e proseguire il lavoro. Ora alle parole bisognerà chiaramente dare seguito con i fatti e le prossime settimane saranno decisive in tal senso. Altro punto all’ordine del giorno la vicenda legata al settore giovanile. Domenico Quaglio ed Eugenio Guarascio, sono da tempo al corrente delle somme investite dal presidente delle squadre Juniores e Allievi. In assenza di altri accordi, toccherà al presidente rossoblù e all’amministratore delegato, rimborsare le spese sostenute per permettere ai lupacchiotti di andare in giro per il meridione trovando risultati convincenti e piazzamenti di prestigio. (Francesco Palermo)


Related posts