Tutte 728×90
Tutte 728×90

Otto Nazioni: L’Italia si congeda con vittoria e terzo posto

Otto Nazioni: L’Italia si congeda con vittoria e terzo posto

Il settebello azzurro dopo una gara equilbrata e combattuta batte la Serbia 10-7 e conquista il podio. In corso la finale per il primo posto tra Ungheria e Montenegro
Valentino_Gallo_tiro_Italia_Montenegro
L’Italia dopo una gara combattutissima ha la meglio della Serbia nella finale per il terzo posto. Il settebello azzurro saluta Cosenza e il suo pubblico con una grande prestazione e con una vittoria di prestigio in vista delle Olimpiadi di Londra. L’Italia campione del mondo schiera Pastorino in porta nei primi due tempi, e Giacoppo e Rizzo nei tredici. Un tiro di rigore di Rizzo e una superiorità numerica trasformata da Felugo consentono al Settebello di chiudere il primo tempo sul 2-1 e di rispondere al momentaneo pareggio di Mandic. Il secondo quarto inizia con le due squadre più dinamiche in vasca. A 1’06 Sapohjic pareggia sfruttando la superiorità numerica. Passa circa un minuto e gli azzurri si riportano in vantaggio con Figlioli. La Serbia non ci sta e con Filipovic riacciuffa il pari. L’Italia ha ottime opportunità per andare in rete ma non vengono sfruttate al meglio. La serbia a questo punto si fa coraggio e trova il vantaggio ancora con Filipovic.  Il  vantaggio serbo dura solo pochi secondi perché Giorgetti  prima trova il pari su rigore e poi il vantaggio terminando il secondo quarto sul 5-4 per l’Italia. Nel terzo tempo la serbia spinge e con  Aleksa Sapohjic pareggia a 1’26 del terzo tempo Gli Azzurri premono, mantengono più volte il possesso in attacco e, pur fallendo la quinta superiorità numerica , vanno avanti con Rizzo dal perimetro a 4’24. Giorgetti ha la palla del +2 in controfuga, ma si oppone Pijetlovic. Prlainovic segna in superiorità numerica il 6-6 a 6’42, ma Presciutti a 7’58 porta la partita al quarto tempo sul 7-6.
A inizio quarto tempo Giorgetti, ancora su rigore, dà il primo doppio vantaggio all’Italia (8-6), subito ricucito da Cuk. Tempesti si oppone al pari salvando una grande occasione dei serbi e Felugo anticipa la difesa avversaria per il 9-7 a 3’10. L’Italia difende bene e chiude la partita con Marcz in controfuga a 35″ dalla sirena per il 10-7. 

Serbia-Italia 7-10
SERBIA: Pijetlovic, Aleksa Sapohjic 2, Gocic, Eskert, Cuk 1, Mandic 1, Aleksic, Radjen, Filipovic 2, Prlainovic 1, Mitrovic, Luka Sapohjic. All. Udovicic.
ITALIA: Pastorino, Giacoppo, Gitto, Figlioli 1, Giorgetti 3 (2 rig.), Felugo 2, Marcz 1, Rizzo 2 (1 rig.), Presciutti 1, Fiorentini, Premus, Deserti, Tempesti. All. Campagna.
ARBITRI: Alexandrescu (Rou) e Flahive (Aus).
NOTE: parziali 1-2, 3-3, 2-2, 1-3 Uscito per limite di falli Prlainovic (S) a 7’58 del terzo tempo. Espulsi Udovicic (coach Serbia) e Attolico (team manager Italia) per proteste tra il secondo e il terzo tempo. Entrato Tempesti (I) per Pastorino a inizio terzo tempo. Superiorità numeriche: Serbia 4/9, Italia 3/6 + 3 rigori trasformati. Fiorentini (I) abbandona la partita alla fine del primo tempo per un colpo nella zona oculare destra. Spettatori 600 circa.

 

Related posts