Tutte 728×90
Tutte 728×90

Macalli: “La Vallée d’Aoste avrà la deroga. Girone unico? Non quest’anno”

Macalli: “La Vallée d’Aoste avrà la deroga. Girone unico? Non quest’anno”

Il presidente in esclusiva su Cosenza Channel: “I granata prima devono pensare a risolvere i problemi economici”. Possibilista per il Cosenza in caso di mancata iscrizione di una delle nove neopromosse. “Si tratterebbe di un’ammissione e non di un ripescaggio, ma deciderebbe il Consiglio Federale”.

macalli_ok

Il presidente Mario Macalli, da una vita alla guida della Lega Pro

Sono ore concitate in Lega Pro. La Covisoc ha bocciato nove delle undici squadre già escluse lo scorso 3 luglio. Solo Chieti e Latina hanno già comunicato di aver superato l’esame della Commissione di Vigilanza, mentre Andria, Como, Foggia, Siracusa, Treviso, Campobasso, Casale, Spal e Valle d´Aosta avranno tempo fino a lunedì alle 13 per produrre il ricorso e trovare la copertura finanziaria richiesta. A questi casi, poi, si sono aggiunti quelli dell’Hinterreggio e del Sud Tirol per ragioni inerenti lo stadio. Al Cosenza interessano da vicino le posizioni della Vallée d’Aoste e dei reggini che, in quanto neo-promosse, potrebbero lasciare il posto proprio ai rossoblù. Per fare luce, cosenzachannel.it ha intervistato direttamente ed in esclusiva il presidente della Lega Pro Mario Macalli. “Sono ore frenetiche – ha detto – di certo non possiamo dire che sia una passeggiata”.
Ai tifosi rossoblù interessa in particolare maniera la posizione della Vallée d’Aoste. Come intendete procedere per la questione-stadio?
“In Lega Pro c’è tanto buon senso, pertanto avrà matematicamente la deroga per l’impianto di Ivrea. I granata hanno conquistato sul campo la promozione, il problema quindi non si pone proprio. Semmai la Vallée d’Aoste dovrà risolvere altri grattacapi”.
Vale a dire?
“Ha dei problemi economici. Se ne verrà fuori in tempo disputeranno come detto le gare interne ad Ivrea”.
Facciamo un passo avanti ipotizzando l’esclusione di Vallée d’Aoste o Hinterreggio. L’articolo 49 delle Noif parla chiaro…
“Abbiamo così tanti problemi in Lega Pro che non posso occuparmi anche delle case degli altri. Non è ancora chiaro se una delle nove neo-promosse non si iscriverà. A giochi fatti la palla passerebbe ad altri”.
A chi, presidente?
“Al Consiglio Federale dove ognuno trarrà le sue deduzioni e dove nulla è da considerarsi scontato. Tecnicamente però non si tratterebbe di ripescaggio, ma di ammissione”.
A che punto è con la riforma dei campionati?
“Voglio essere chiaro su questo aspetto. Finché ci sarò io, esisteranno Prima e Seconda divisione. Per le composizioni bisognerà attendere ancora, ma tengo a far sapere agli avventurieri che la Lega Pro unica non partirà da quest’anno. Possono scordarsela”.  (Francesco Palermo)

Related posts