Tutte 728×90
Tutte 728×90

Ciano saluta il Cosenza: “Tifosi splendidi, sempre nel mio cuore”

Ciano saluta il Cosenza: “Tifosi splendidi, sempre nel mio cuore”

Il difensore firma in D con il Matera che in extremis ha vinto la concorrenza del Martina con cui avrebbe disputato la Lega Pro. “Fiore e Leonetti sono due persone fantastiche”.

ciano_a_messina

Ivano Ciano in occasione della partita disputata al San Filippo di Messina

Anche Ivano Ciano non è più un calciatore del Cosenza. Ha scelto di firmare per il Matera, club ambizioso che disputerà il campionato di Serie D. Sul difensore era concreto e forte l’interesse del Martina Franca, ma i lucani hanno saputo usare in extremis le argomentazioni giuste per convincere Ivano a non aspettare più che in riva al Crati la situazione si sbloccasse. “Mi hanno fatto un’offerta che non potevo rifiutare – ha spiegato stamattina dalla colonne di Calabria Ora –  i tempi sono quelli che sono e se avessi tergiversato, il treno sarebbe passato inesorabilmente. La mia, però, non è stata una decisione scaturita dal fattore economico, ma una scelta di vita”. Ciano a breve si sposerà e accettando la destinazione Matera si avvicinerà molto alla sua San Giovanni Rotondo. “E’ proprio così, per me significa tanto poter stare ad un tiro di schioppo da casa. Ad ogni modo vorrei salutare i tifosi del Cosenza che non ci hanno mai fatto mancare il loro sostegno. Il San Vito ha un pubblico splendido che, anche quando i risultati non erano quelli auspicati, non smetteva mai di incitarci. Personalmente ho ricevuto solo complimenti, sono felice che la gente mi abbia apprezzato prima come uomo e dopo come calciatore: è la gratificazione più grande per chi fa questo mestiere”. In ultimo il pensiero va a chi la scorsa estate ha spinto affinché Ivano vestisse la casacca rossoblù. “Fiore e Leonetti li porterò sempre nel mio cuore. Persone splendide e corrette, quasi delle eccezioni nel mondo del calcio. Auguro loro e a tutti i fan dei Lupi di poter disputare subito la Seconda divisione: così i nostri sforzi non cadrebbero nel vuoto”. (Gian Paolo D’Elia)

Related posts