Tutte 728×90
Tutte 728×90

Premi in denaro anche in D per chi punta forte sugli under

Premi in denaro anche in D per chi punta forte sugli under

Varato il progetto “Giovani D valore” che mira a valorizzare i ragazzi anche nel massimo torneo dilettantistico. Usufruiranno dei contributi federali solo tre club per girone.

franzese_in_allenamento

L’under Franzese al Sanvitino durante la seduta di stamattina. (foto mannarino)

Ancora una volta, dunque, la Serie D investe per tutto il sistema calcio italiano con iniziative concrete che non lasciano spazio a scorciatoie estemporanee. Al contrario, premiando chi decide di puntare stabilmente sui giovani, in perfetta armonia con i dettami della FIGC. Il progetto “Giovani D valore” è finalizzato a premiare, per ognuno dei 9 gironi della Serie D 2012/2013, le società partecipanti al campionato che avranno utilizzato, nelle gare ufficiali, un numero maggiore di giovani oltre quelli già previsti dal Comunicato Ufficiale n. 1 del 2 luglio 2012 (1 nato dal 1 gennaio 1992, 2 nati dal 1 gennaio 1993 e 1 nato dal 1 gennaio 1994). Le società che utilizzeranno il maggior numero di giovani saranno premiate con contributi in denaro (3 per ogni girone) in virtù di una classifica ad hoc che terrà conto di diversi coefficienti. Il premio verrà corrisposto all’atto dell’iscrizione al campionato successivo e non potranno accedere in classifica le formazioni retrocesse in Eccellenza. La speciale graduatoria giovani D valore vuole evidenziare come l’impiego dei giovani rappresenti un valore aggiunto che genera un circolo virtuoso contraddistinto da 3 termini positivi:
1 – più giovani (perché entrano in classifica i club che utilizzano giovani oltre i 4 previsti da comunicato ufficiale);
2 – più qualità (perché facendoli giocare si fanno crescere e se ne migliorano le prestazioni);
3 – più premi (perché chi più ne utilizza ha la possibilità di vincere il premio più ricco).
La strtuttura del progetto “Giovani D valore” prevede che
1) per ogni girone di Serie D vengano messi in palio 3 premi delle seguenti entità: prima classificata 35 mila euro; seconda classificata 20 mila euro; terza classificata 15 mila euro;
2) Ai fini del computo generale della classifica saranno prese in considerazione le gare dalla 1^ alla 30^ giornata di campionato, evitando in tal modo eventuali possibili speculazioni derivanti da gare tra società non interessate più alla classifica sul finire della stagione;
3) In classifica potranno essere conteggiati tutti i calciatori utilizzati: italiani, comunitari ed extracomunitari, purché tesserati a titolo definitivo nonché quelli tesserati a titolo temporaneo da società della LND; non potranno essere conteggiati i calciatori tesserati a titolo temporaneo da società Professionistiche;
4) In classifica dovranno essere inseriti solo i calciatori utilizzati per almeno un tempo di gioco (dall’inizio fino alla conclusione del primo tempo ovvero dall’inizio del secondo tempo alla conclusione della gara) e che abbiano disputato almeno 18 gare nei gironi a 18 squadre, 20 nei gironi a 20 squadre;
5) Le società che non parteciperanno al Campionato Nazionale Juniores 2012/13 (quello regionale per le squadre delle regioni Sicilia e Sardegna) ovvero si ritireranno nel corso del campionato ovvero rinunceranno a disputare gare ufficiali del Campionato di Serie D e Nazionale Juniores non saranno inserite nella classifica.
La classifica verrà redatta, nel rispetto dei criteri innanzi indicati, assegnando per ogni società di ciascun girone i seguenti punteggi:
a) 10 punti per ogni calciatore classe 1994 utilizzato in ogni gara oltre ai 4 previsti dal regolamento (nel caso in cui la società decida di utilizzare – per ottemperare al regolamento dei 4 giovani obbligatori – anche 5 calciatori 1994 ne va conteggiato solamente uno);
b) 15 punti se il calciatore proviene dal settore giovanile della società che lo utilizza (dovrà pertanto essere in costanza di tesseramento definitivo almeno dal 30.9.2011 e per tutta la stagione sportiva 2011/12);
c) 20 punti per ogni calciatore classe 1995 utilizzato per ogni gara oltre ai 4 previsti dal regolamento (nel caso in cui la società decida di utilizzare – per ottemperare al regolamento dei 4 giovani obbligatori – anche 5 calciatori 1995 ne va conteggiato solamente uno);
d) 25 punti se il calciatore proviene dal settore giovanile della società che lo utilizza (dovrà pertanto essere in costanza di tesseramento definitivo almeno dal 30.9.2011 e per tutta la stagione sportiva 2011/2012);
e) 30 punti per ogni calciatore classe 1996 utilizzato per ogni gara (nel caso in cui la società decida di utilizzare – per ottemperare al regolamento dei 4 giovani obbligatori – anche 5 calciatori 1996 ne va conteggiato solamente uno);
f) 35 punti se il calciatore proviene dal settore giovanile della società che lo utilizza (dovrà pertanto essere in costanza di tesseramento definitivo almeno dal 30.9.2011 e per tutta la stagione sportiva 2011/2012).
Alle società che svolgono l’intera l’attività di Settore Giovanile nella stagione sportiva 2012/2013 (allievi, giovanissimi, esordienti, pulcini e scuola calcio, indipendentemente se trattasi di Campionati Regionali o Provinciali), verrà riconosciuto un bonus, pari al 10% in più dei punti totalizzati. Per attività di settore giovanile si intendono i tesserati con la medesima matricola FIGC della prima squadra della società e non saranno, pertanto, validi eventuali accordi con società “gemellate” o altre tipologie di collaborazione sportiva. Le società che al termine del Campionato di Serie D 2012/13 retrocederanno al Campionato di Eccellenza non avranno diritto ad alcun premio e saranno escluse dalla classifica finale. Pertanto nell’ipotesi di retrocessione di una o più società classificatasi nei tre posti utili della classifica, a seguito della loro esclusione saranno beneficiarie del relativo premio le società immediatamente seguenti in graduatoria. I tre premi saranno corrisposti alle società vincitrici solo dopo che le stesse si siano regolarmente iscritte al campionato di serie D 2013/14 ed inserite nel relativo organico ovvero per quelle promosse in Lega Pro dopo che le stesse si siano regolarmente iscritte al campionato di competenza 2013/14 ed inserite nel relativo organico.

Related posts