Tutte 728×90
Tutte 728×90

Tavecchio elogia la Serie D: “Noi con i conti a posto”

Tavecchio elogia la Serie D: “Noi con i conti a posto”

Il presidente dalla Lnd traccia le linee guida della nuova stagione con una punta di orgoglio: “Abbiamo sfiorato l’ein-plein delle squadre iscritte: solo due ripescaggi”.

tavecchio

Il presidente della Lega Nazionale Dilettanti Carlo Tavecchio

“La serie D è in salute e non in discesa in un sistema calcio che, tra i professionisti, vede in serie B il 70% di assistiti”. Carlo Tavecchio non usa giri di parole e qualche sassolino dalla scarpa se lo toglie anche . Il presidente dell’LND è orgoglioso perché i suoi ragazzi crescono e vengono lanciati nei campionati superiori. “Abbiamo chiuso le iscrizioni con sole due squadre ripescate, sfiorando addirittura l’en-plein e direi che questo è un segnale forte e chiaro che la serie D è solida e radicata sul territorio”. Questo il motivo che ha ispirato la decisione di destinare la quota parte riservata al massimo campionato dilettantistico della cosiddetta mutualità dei diritti televisivi ad un’iniziativa che supportasse in maniera concreta chi investe stabilmente nell’impiego dei giovani. “Noi non siamo professionisti ma con i mezzi nostri copriamo una capillarità sul territorio. Per ora siamo 162 squadre divise in 9 gironi da 18, ma il numero, lo sappiamo, è destinato a salire. E noi siamo lieti di ospitare piazze decadute dalla Lega Pro perché il nostro obiettivo è far fare calcio”. Due le linee guida seguite. “La prima è quella dell’impiantistica. Ogni regione avrà un campo in erba artificiale, 500 mila euro per impianto (con un investimento complessivo di circa 10 milioni di euro, ndr), capace di accogliere centri di formazione federale, il cui parto, a dire il vero, è abbastanza laborioso. Ma noi speriamo nella primavera del 2013 di poter festeggiare con questi centri dedicati. Ogni regione avrà il suo per continuare ad incedere verso la politica dei giovani”. I numeri ci sono: 71mila squadra, 800mila tesserati. “Non capisco perché si debba ancora pescare dall’estero a livello giovanile  – continua Tavecchio –  ma questo è un problema che sanerà l’economia. La nuova frontiera amministrativa”. La Lnd mette mani al portafoglio. “Noi facciamo fatti, cioè mettiamo mani in tasca e tiriamo fuori i soldi, non le chiacchiere”.

Related posts