Tutte 728×90
Tutte 728×90

Cosenza: doppia seduta in vista dell’amichevole di domani

Cosenza: doppia seduta in vista dell’amichevole di domani

In mattinata la parte atletica. Nel pomeriggio lavoro tecnico. Domani previsto un test contro la Silana. Nelle prossime 48 potrebbero arrivare rinforzi.
cosenza_in_gruppo_a_lorica
Lavoro intenso per i rossoblu che oggi hanno conosciuto la prima avversaria da affrontare nella stagione ormai alle porte. La compagine silana vuole ben figurare all’esordio al San Vito e si prepara per iniziare con il piede giusto un campionato che dovrà regalare al pubblico cosentino qualche soddisfazione. Anche oggi il gruppo ha sudato in ritiro ed ha affrontato una doppia seduta.  In mattinata Mosciaro e compagni hanno seguito le direttive del professore Bruni a cui è affidato il compito di ricaricare i muscoli del gruppo per arrivare al top al fischio d’inizio. Esercizi, ripetute e scatti per i Lupi, imballati dai carichi di lavoro ma già in discreta condizione. Nel pomeriggio intenso lavoro con il pallone. Mister Gagliardi ha seguito i suoi uomini dando indicazioni sul lavoro da svolgere ed ha guidato i rossoblù nella seduta tattica. Domani pomeriggio il tecnico trarrà altre indicazioni dalla partitella amichevole. I Lupi infatti, se la vedranno con la Silana in un test che servirà per sciogliere i muscoli, per trovare il ritmo partita e per capire in quale direzione proseguire per allestire una squadra competitiva. A questo intanto, stanno pensando Stefano Fiore e Aristide Leonetti. Il loro lavoro si sta intensificando e nelle prossime 48 ore dovrebbero arrivare nuovi giocatori a dar manforte al gruppo di Gagliardi. Le trattative imbastite sono a buon punto e la carne al fuoco tanta ma sarà importante scegliere le pedine giuste da affidare al mister strizzando l’occhio al budget. Pochi innesti ma funzionali al modulo scelto e ad una idea tattica che vuole i silani proiettati in attacco. Fra meno di tre settimane inizia il campionato e questa volta, il Cosenza, vuole partire con il piede giusto. (Francesco Palermo)

Related posts