Tutte 728×90
Tutte 728×90

Cosenza scatenato in partitella

Cosenza scatenato in partitella

I rossoblù rifilano undici gol alla Luzzese nel test infrasettimanale. A brillare particolarmente è stato Pietro Arcidiacono che però sarà squalificato. Guarascio e Quaglio a bordo campo.

franzese_in_allenamento

Franzese ha siglato una tripletta nel test infrasettimanale (foto mannarino)

Buon test per la truppa di Gianluca Gagliardi che nel test contro la Luzzese (formazione che milita nel campionato di Prima Categoria) ha segnato undici reti. A dirigere il match c’era il preparatore dei portiere Andrea Lanni che non è andato oltre i quaranta minuti per tempo. Nella prima frazione di gioco il coach dei Lupi ha schierato Straface tra i pali (sempre più verso un tesseramento) Bruno, Parisi, Parenti, Varriale sulla linea dei difensori, Salvino, Benincasa e Pesce a centrocampo, Marano, Franzese e Le Piane in attacco. Mosciaro, la cui ecografia non è evidenziato complicazione alcuna, è rimasto a bordo campo ad eseguire un paio di giri di campo. Franzese ha battutto tre volte il portiere avversario: su assist di Salvino, su un preciso servizio di Benincasa a coronamento di un’azione corale ben orchestrata e da due passi a margine di uno scambio con lo stesso Benincasa. Gloria anche per Salvino che ha gonfiato la rete calciando dai venti metri. Nella ripresa Gagliardi ha cambiato totalmente gli attori inserendo Perri in porta Scigliano, Bria, Sicignano, Liotti a sua protezione, Fiore, Piromallo, Guadalupi in mediana, Libertini, P. Arcidiacono e S. Arcidiacono a comporre il tridente offensivo. Protagonista assoluto è stato “Biccio”, autore di giocate di altissima scuola e di quattro reti di ottima fattura. Ha servito anche gli assist al fratello e a Guadalupi. Quest’ultimo si è mosso discretamente siglando due reti e sbagliando anche un rigore. A bordo campo c’erano il presidente Guarascio e l’ad Quaglio. Si è fatto vedere pure l’assessore allo sport Carmine Vizza. C’è l’impellenza di tagliare l’erba del fossato: è arrivata a toccare i primi gradini degli spalti.  (Luigi Brasi)

Related posts