Tutte 728×90
Tutte 728×90

Gardano: “Il Cosenza vorrà vincere, ma noi contiamo sul nostro pubblico”

Gardano: “Il Cosenza vorrà vincere, ma noi contiamo sul nostro pubblico”

Il tecnico dell’Acireale non si sbilancia sulla probabile formazione: “Ho le idee abbastanza chiare, ma aspetto sempre l’ultumo momento per trarre più indicazioni possibile”.

gardano_acireale

Il tecnico dell’Acireale Gardano nell’ultimo match del San Vito (foto mannarino)

Dopo la prova bella ma sfortunata contro il Messina, l’Acireale attende al Tupparello il Cosenza di Gagliardi. I Lupi partiranno alla volta della Sicilia per centrare la prima vittoria in campionato e recuperare il terreno perso contro la Nissa al San Vito. Mister Gardano, sta ancora valutando quale undici schierare contro i silani ma è sicuro che i suoi calciatori venderanno cara la pelle. “Non sarà una gara facile – ha detto ai microfoni doi cosenzachannel.it – E’ inutile sottolineare che il Cosenza è una compagine attrezzata per il salto di categoria. Loro hanno vinto i playoff nella passata stagione, centrando un successo che forse è più difficile di quello in campionato. Hanno buone individualità ma è chiaro che noi siamo pronti ad esprimere il nostro calcio. Contro il Messina abbiamo giocato bene ma sono mancati i punti. Dobbiamo rifarci davanti al nostro pubblico”. Poi prosegue. “Il calendario ci ha riservato un inizio piuttosto complicato. L’esperienza maturata mi insegna però che in Serie D non esistono gare facili o difficili. Bisogna scendere in campo e giocare al calcio. Sappiamo che il Cosenza verrà qui per vincere ma contiamo sul nostro pubblico. La tifoseria chiede molto e merita tanto e noi vogliamo regalare ai sostenitori un ottimo spettacolo”. Poi un commento sulla formazione che scenderà in campo domenica. “Ho le idee abbastanza chiare ma attendo sempre l’ultimo momento per trarre maggiori indicazioni. Ho una rosa composta da calciatori che si giocano il posto e fino alla fine tutti dovranno sudare per guadagnare il terreno di gioco dal primo minuto”. E in chiusura sulla squalifica spegne le polemiche. “Inutile parlarne ancora. Ora guardiamo avanti”. (f. p.)

Related posts