Tutte 728×90
Tutte 728×90

Gagliardi sprona l’ambiente: “Il Messina ancora non ha vinto nulla, sarà una battaglia”

Gagliardi sprona l’ambiente: “Il Messina ancora non ha vinto nulla, sarà una battaglia”

Il tecnico del Cosenza abbraccia anche l’argomento mercato: “Non ho chiesto un attaccante alla società, ma non è detto che se me lo mettono a disposizione non sia contento”.

gagliardi_dirige_la_seduta

Il tecnico Gianluca Gagliardi è animato da propositi molto ambiziosi (foto mannarino)

Gianluca Gagliardi è galvanizzato, consapevole di essere al timone di una squadra importante. La vittoria di Acireale ha rotto il ghiaccio con il campionato, anche se il divario poteva essere più ampio. “E’ cambiato poco in due giorni rispetto a ciò che già è stato detto in sala stampa. Forse non si è trattato di mancanza di cattiveria, ma di convinzione. Del resto al Tupparello abbiamo creato tante occasioni e con più giocatori. Su un colpo di testa di Mosciaro, inoltre, c’era un altro rigore netto: certe cose vanno evidenziate quando si vince”. Positivo l’esperimento con il 3-5-2 che ha permesso a Straface di vivere un pomeriggio di estrema tranquillità. “Devo dire bravo ai tre difensori e a chi ha svolto diligentemente la fase difensiva. Liotti? Prova positiva, anche se nella ripresa, e non è stato il solo, si è abbassato un po’ troppo. Era alla prima da titolare e tutto sommato va bene così. Per quanto concerne lo schema, invece, bisogna avere il coraggio di far giocare chi è in condizione. Ho la fortuna di allenare un organico di professionisti che mi permette di passare da un modulo all’altro in base alle esigenze della settimana e della domenica. Ad esempio, inizieremo da domani a pensare al modo migliore di sopperire alla squalifica di Benincasa. Sia chiara una cosa però: a me piace un calcio propositivo perché dà quella consapevolezza di forza che voglio abbia la mia squadra. E’ giusto sottolineare pure l’abnegazione di chi non è stato convocato per domenica o è andato in tribuna: la regola degli under condiziona le scelte purtroppo”. Il duello con il Messina infiamma già la piazza e l’allenatore dei Lupi lancia messaggi. “Noi non abbiamo ancora vinto nulla e il Messina non ha ancora vinto niente: ci aspettano delle battaglie fino alla fine. Avete visto le immagini dei giallorossi? Vorrei avere anche io il piacere di vincere come ha fatto loro a Noto, magari mi farete i complimenti ma non sarò contento. Vedendo le immagini del Messina, ci siamo resi conto che il primo gol era studiato…”. Capitolo attaccante. “Non ho chiesto alla società di prendere un centravanti e non ritengo che in attacco ci sia un problema. Si sono create circa 18 palle gol in 180′ e più uomini sono andati al tiro. Ciò non significa che se il club metterà a mia disposizione una punta non sia felice, ma non è una priorità”.  (Luigi Brasi) 
 

Related posts