Tutte 728×90
Tutte 728×90

Cosenza, l’obiettivo è dimenticare Messina

Cosenza, l’obiettivo è dimenticare Messina

Seduta di scarico ed esercizi. Lanni parla a lungo con i portieri mentre Gassama lavora in gruppo. L’attaccante dovrà ancora attendere un mese prima di recuperare totalmente.

benincasa_Arcid

Benincasa e Arcidiacono nella seduta d’allenamento (foto rosito)

Ritorno al San Vito amaro per la truppa rossoblù, reduce da una scottante sconfitta in terra di Sicilia. Gagliardi ha motivato in conferenza stampa le ragioni di un risultato che, inevitabilmente, lo costringerà a rivedere i suoi piani e a capire come muoversi. Una battuta d’arresto ci può stare, ma il Cosenza dovrà rimettersi subito in marcia e battere un Montalto che avrà grosse motivazioni per portare a casa il risultato contro una delle squadre più blasonate della regione. I lupi questo lo sanno e si sono rimessi in marcia per la consueta seduta del martedì. Corsetta di scarico quindi per chi ha giocato a Messina e per i ragazzi che hanno affrontato l’impegno con la Juniores mentre gli altri hanno lavorato con il pallone. Il professore Bruni ha guidato i calciatori negli esercizi mentre il preparatore dei portieri Lanni ha parlato a lungo con i portieri. Il suo compito, questa settimana, sarà quello di lavorare più sulle teste che sulle gambe e sulle mani degli estremi difensori. Frlez dovrà dimenticare gli errori commessi mentre Straface dovrà impegnarsi per mettere in difficoltà Gagliardi nelle scelte. Con il gruppo ha lavorato anche Gassama. L’attaccante, reduce da un lungo infortunio, continua a correre ma per essere a pieno regime dovrà ancora attendere la fine di ottobre. Solo dopo inizierà a forzare per evitare di fatto ricadute. Gagliardi intanto dovrà capire come affrontare il prossimo impegno. I moduli proposti finora dal tecnico hanno offerto buone garanzie sotto il profilo dell’equilibrio tattico. E’ da tenere in considerazione però, la lunga lista di calciatori che stanno facendo da spettatori in queste prime gare e che reclamano inevitabilmente spazio. Sembra essere arrivato quindi il turno di Guadalupi, che ha trovato ritmo e condizione. Il suo impiego potrebbe essere semplificato da un cambio di modulo che prevede un uomo di fantasia fra le linee. In tal senso, Gagliardi, ha provato nella scorsa settimana il 4-2-3-1 ma è evidente che prima di proporlo dovrà effettuare nuovi e continui test per capire se e come utilizzare questo dispositivo tattico. Il ritorno di Gassama infatti, potrebbe coincidere con l’avvento di una nuova disposizione in campo per sfruttare insieme a Mosciaro e Arcidiacono, l’estro di Guadalupi e la corsa e il talento dell’attaccante senegalese. Tutte idee che da buon stratega Gagliardi ha bene in mente e che inizierà a provare per capire quale sarà l’assetto definitivo del suo Cosenza. Domani alle 18 Fiore e i calciatori parteciperanno a Viale Parco al compleanno dello sponsor Q1 petroli. (Francesco Palermo)

Related posts