Tutte 728×90
Tutte 728×90

Mosciaro: “Abbiamo vinto soffrendo” – VIDEO

Mosciaro: “Abbiamo vinto soffrendo” – VIDEO

L’ululato dell’attaccante cosentino in una giornata da Lupi: “Bisogna guardare avanti e lasciarsi alle spalle quei momenti di flessione che possono starci. Bisogna fare tesoro degli errori e capire dove e come si può rimediare”.

2_-_Il_goleador_rossoblu_Manolo_Mosciaro_27_in_azione

L’attaccante Manolo Mosciaro (27) autore di una doppietta contro il Palazzolo

Una doppietta e la consapevolezza di essere determinante, quanto Arcidiacono, ad una squadra che aveva voglia di vincere dinanzi a quei tifosi che, due settimane fa, erano rimasti delusi dalla performance contro il Montalto. Manolo Mosciaro (27) con una doppietta è stato il match-winner di una sfida sofferta ma che ha visto, meritatamente, i silani alzare le braccia al cielo in segno di vittoria. Queste le considerazioni dell’attaccante cosentino a fine gara. “Abbiamo vinto soffrendo. Inizialmente abbiamo sprecato tanto e subito un gol sull’unico tiro. Poi il Palazzolo si è chiuso ma per fortuna abbiamo trovato il nuovo vantaggio su un rigore netto. Posso assicurarlo, il fallo era sacrosanto. Dopodiché abbiamo trovato il vantaggio giocando scioltezza e trovando persino la terza rete”. A chi chiede se la classifica del Cosenza è giusta Mosciaro risponde. “Bisogna guardare avanti e lasciarsi alle spalle quei momenti di flessione che possono starci. Bisogna fare tesoro degli errori e capire dove e come si può rimediare. Ora c’è la Vibonese di un allenatore che conosco bene e che reputi molto preparato. Dovremo dare ancora di più e mantenere questo trend coscienti che non bisogna mai abbassare la guardia”. Chiusura dedicata ai tifosi silani. “I nostri tifosi sono il dodicesimo uomo in campo. Posso assicurarvi che al San Vito anche se mille invece che duemila persone riescono ugualmente a trascinarci. Io amo Cosenza e come me chi c’era oggi ha mostrato quell’attaccamento che ci unisce in ogni momento”. L’ululato di Mosciaro in una giornata da Lupi. (Alberto Celestino)

Related posts