Tutte 728×90
Tutte 728×90

La Vibonese è al tappeto. Cosenza capolista solitaria (0-2)

La Vibonese è al tappeto. Cosenza capolista solitaria (0-2)

Guadalupi e Mosciaro regalano ai Lupi una vittoria meritata. Straface para un rigore a Marasco. L’Acr Messina perde con la Gelbison e consegna la vetta della classifica al Cosenza. Anima e cuore per i rossoblù, alla terza vittoria consecutiva.

il_cosenza_esulta_dopo_il_vantaggio_firmato_da_guadalupi

Il Cosenza esulta dopo il vantaggio a Vibo (foto grazioli)

Missione compiuta per il Cosenza di Gianluca Gagliardi che torna a casa dal “Luigi Razza” con tre punti pesantissimi. Non era facile aver ragione di una squadra pronta a tutto per cancellare le tre sconfitte consecutive ma Parisi e soci con una gran prestazione hanno centrato il successo. Di Guadalupi e Mosciaro, autore di un gol strepitoso, le reti che consegnano ai Lupi il primato in classifica. l’Acr Messina infatti è stata battuta dalla Gelbison e i rossoblù possono festeggiare un successo doppio in questa giornata. Da segnalare l’ottima prova di Straface che ha neutralizzato un penalty alla Vibonese. Crescono anche i giovani. Liotti convince, Pesce ha disputato una gran gara e Piromallo all’esordio dal primo minuto ha convinto tutti. Rientra in campo anche Arcidiacono. Sarà lui l’uomo in più per tentare di allungare in cima alla graduatoria.
CRONACA. Fase di studio tra le due squadre nei primi minuti. Cosenza che prova a tenere in mano il pallino del gioco. Al 9′ Pesce illumina per Guadalupi. Quest’ultimo con il sinistro supera l’estremo difensore avversario per il vantaggio degli ospiti. Poco più tardi prova Campo a rispondere ma il suo destro termina di poco a lato. Al 18′ ammonizione per l’ex di turno Benincasa per fallo su D’Angelo. Al 28′ Mosciaro guadagna una buona punizione. Sul punto della battuta si presenta Sicignano ma la sua conclusione termina sulla barriera. Al 30′ Straface commette un errore in uscita e Marasco prova ad approfittarne ma la sua conclusione a giro sfiora la traversa. Al 35′ padroni di casa pericolosissimi con un colpo di testa di Saturno deviato in corner da Straface. Al 39′ risponde Mosciaro ma il suo tiro dalla lunga distanza termina lentamente fuori. Intanto si riscalda Pietro Arcidiacono. Gagliardi potrebbe concedergli qualche minuto per ritrovare il ritmo partita dopo il lungo stop. Rossoblù pericolosissimo al 42′. Schema su punizione e palla che arriva in posizione defilata a Pesce. Primo tiro respinto ma Pesce la rimette al centro e Parenti viene anticipato di un soffio prima della battuta a rete. Al 43′ però Mosciaro raddoppio. Assist di Pesce per il capocannoniere del torneo che con un tocco morbido scavalca saraò siglando una rete bella e importantissima il Cosenza è avanti di due reti e il suo bomber è una raganzia. Prova a rispondere la Vibonese. Cross dalla sinistra di Saturno con la palla che termina sui piedi di Brescia. Conclusione di potenza e palla alta da ottima posizione. Dopo un minuto di recupero termina il primo tempo. Si riparte con un cambio nei padroni di casa. Dentro Eseola per Brescia. Soda proverà a spingersi in avanti. Gagliardi invece no ha operato cambi. Si scaldano Naccarato, Varriale e Pietro Arcidiacono. Cosenza pericolosissimo al 48′. Palla lunga per Mosciaro che fa da sponda per Guadalupi. Il trequartista stoppa di petto e dal limite dell’area lascia partire un destro che termina alto sulla traversa. E’ un Cosenza ben messo in campo quello che sta controllando bene il tridente approntato da Soda. Bravo e attendo Straface a sventare una azione pericolosa di Eseola al 58′. Al 60′ entra Varriale al posto di Fiore che lascia il campo claudicante. I rossoblù si sistemano a cinque dietro. al 63′ Campo serve Eseola che da fuori aria sfiora il palo con una conclusione a giro. Straface era immobile. Al 65′ l’arbitro concede alla Vibonese un rigore molto dubbio. Marasco cade dopo un intervento di Parisi che sembra pulito e comunque fuori area. Giallo per il capitano del Cosenza e penalty per i padroni di casa. Marasco batte alla destra di Straface che con uno strepitoso colpo di reni devia la sfera. In campo anche Pietro Arcidiacono. Ritorna dopo l’infortunio muscolare rimediato nel match contro il Noto. Fuori Guadalupi. Si accendono gli animi in campo dopo un fallo di Liotti. I calciatori in campo non se le mandano a dire ed oltre all’ammonizione ai danni dell’esterno rossoblù, l’arbitro prende un altro provvedimento allontanando Soda dal terreno di gioco. Al 78′ la difesa rossoblù si addormenta ed Eseola è libero di calciare. La sua deviazione al volo però sibila alla sinistra di Straface. il Cosenza risponde con un lancio perfetto di Varriale per Arcidiacono che calcia da fuori area sbagliando la misura del tiro. C’è spazio anche per il giovane De Cicco che prende il posto di Piromallo. Ottima la prova del giovanotto rossoblù. Saranno quattro i minuti di recupero. Gara terminata al “Luigi Razza”. Il Cosenza è la nuova capolista.

Il tabellino:
VIBONESE (4-1-4-1): Saraò; Gori, D’Angelo, Zegatti, Cibelli; De Cristofaro; Brescia (46′ Eseola), Cosenza, Campo (71′ Martino), Saturno (74′ Bruzzese); Marasco. A disp.: Verterame, Barreca, Caterisano, Martino, Bruzzese, Kalambay, Eseola. All.:Soda
COSENZA (3-5-1-1): Straface; Sicignano, Parisi, Parenti; Fiore (60′ Varriale), Piromallo (89′ De cicco), Benincasa, Pesce, Liotti; Guadalupi (68′ Arcidiacono); Mosciaro. A disp.: Perri, P. Arcidiacono, Varriale, Libertini, S. Arcidiacono, De Cicco, Naccarato. All.: Gagliardi
ARBITRO: Ranaldi di Tivoli
MARCATORI: 9′ Guadalupi (C), 43′ Mosciaro.
NOTE:
Spettatori circa 600. Chiuso il settore ospiti. Al 65′ Straface para un rigore a Marasco. Espulso il tecnico della Vibonese, Soda, per proteste al 70′. Espulsi: -; Ammoniti: 20′ Benincasa (C), Brescia (V), Parenti (C), Pesce (C), Parisi (C), Liotti (C) ; Angoli: 3-4; Recupero: 1’pt, 4’st.

Related posts