Tutte 728×90
Tutte 728×90

Mosciaro: “Ora tocca alle altre rispondere alla nostra vittoria”

Mosciaro: “Ora tocca alle altre rispondere alla nostra vittoria”

L’attaccante gongola: “Serviva conquistare i tre punti soprattutto dopo la sconfitta di domenica scorsa”. E si coccola gli under: “Naccarato e Piromallo hanno la giusta mentalità”.

mosciaro_a_sambiase

Mosciaro con la doppietta è arrivato a 9 reti stagionali in 12 gare (foto mannarino)

Il classico calciatore da Fantacalcio. Ce ne fosse uno in serie D tutti i fantallenatori lo prenderebbero a suon di fantamiliardi. Manolo Mosciaro (27) è il bomber principe del Cosenza. E lo ha ribadito al D’Ippolito di Lamezia segnando una doppietta (sono nove le reti stagionali e sempre più capocannoniere della serie D girone I) e servendo ad Arcidiacono un assist al bacio. Doveva rifarsi dopo l’errore di domenica scorsa contro la Gelbison al San Vito (leggi rigore sbagliato in zona Cesarini). Questa volta però è stato un sabato da mille e una notte per lui. A fine gara l’ariete silano gongola. “Sono felice anche se è stata una vittoria difficile in un derby dove il Sambiase ha cercato di renderci la vita difficile. Per fortuna la partita è finita sul 4-3 anche perché alla fine sembravamo soffrire troppo sui calci piazzati. Comunque, va bene così. Serviva vincere dopo la sconfitta contro la Gelbison”. Tanti gol e molti errori da ambo le parti hanno permesso un risultato pirotecnico. Così Mosciaro. “Dobbiamo lavorare in fase difensiva e migliorare di gran lunga. Ma va anche detto che abbiamo creato tanto. Del resto non è facile segnare quattro gol in trasferta”. Poi un elogio a Marano. “Conosco le sue qualità e sono andato ad attaccare lo spazio. Poi ho calciato col destro in corsa ed abbiamo trovato subito il pareggio. La seconda rete? Sono stato fortunato a trovare l’errore del portiere Andreoli. A volte c’è bisogno di un po’ di fortuna. Penso a domenica scorsa quando Spicuzza ha fatto un miracolo sulla mia rovesciata. In quell’occasione non credo che la dea bendata ci abbia dato una mano. A volte c’è, altre volte gira le spalle”. Mosciaro è sempre più capocannoniere del girone. Ma quest’aspetto non smuove l’attaccante. “I miei gol devono servire al Cosenza. La gloria personale non mi interessa. Ora penso a godermi il primato e domani facciamo da spettatori. Ora tocca a Messina e Gelbison rispondere. Incrociamo le dita”. Spazio anche agli elogi. Soprattutto per gli under. “Naccarato e Piromallo hanno la giusta mentalità ed oggi hanno dimostrato di avere personalità come noi over. Questo dimostra che potenzialità ci sono nella nostra terra. Questi giovani hanno futuro ma spetta a loro lavorare sempre di più e trovare spazio in squadra”. Chiusura dedicata ai tifosi presenti anche oggi a Lamezia. “Non ho più parole per definire i nostri tifosi. Io, Fiore e i più grandi abbiamo deciso di dare le maglie a fine gara anche se la società in questo periodo ce lo ha proibito. Pagheremo? Vedremo…”. Se ci fossero fantamiliardi in palio sarebbe l’attaccante dei sogni di tutti i tifosi…di tutte le squadre di serie D. Storie di un cosentino alla ribalta. (Armando Sciuto)

Related posts