Tutte 728×90
Tutte 728×90

Brutium, adesso è vera crisi. Rossoblù ko anche ad Aieta (2-1)

Brutium, adesso è vera crisi. Rossoblù ko anche ad Aieta (2-1)

Il cambio in panchina non è servito ai Lupacchiotti per tornare al successo. Da film horror l’approccio alla partita, non basta un rigore trasformato da Oliveto al 45′.

corrao_brutium

Corrao del Brutium ieri si è fatto espellere

La Brutium Cosenza non riesce a superare la crisi di risultati, ma non di gioco, in cui è precipitata da qualche settimana, perdendo 2-1 ad Aieta. Non è servito nemmeno il cambio di allenatore (De Vincenti al posto del dimissionario Malvasi) per venire a capo di una situazione che, almeno per quanto riguarda il lato sportivo, inizia a farsi preoccupante. Solo cinque punti in classifica e terz’ultimo posto: oggi i Lupacchiotti sarebbero costretti a disputare i playout. La dirigenza, per ritrovare la serenità mentale smarrita, aveva portato in ritiro i calciatori fin dalla giornata di sabato, usanza che non è prassi nemmeno tra molte squadre della D. CRONACA. De Vincenti cambia modulo e opta per il 4-3-3 sistemando davanti a Malizia De Rosa e Scarlato sulle fasce e la coppia Ponzio-Bonofiglio in mezzo. In mediana Infusino, Corrao e Di Maria, mentre il tridente prevedeva Naccarato al centro, Crescibene largo a sinistra e Oliveto dalla parte opposta. L’avvio è da film horror. Nei primi 25′ l’Aieta chiude gli ospiti nella propria area di rigore e segna due volte. Al 12′ Dieni approfitta di uno svarione difensivo e deposita la palla in rete, mentre al 18′ De Franco dribbla due uomini e fa secco il portiere della Brutium. Superato il momento, la squadra fondata dai ragazzi della Curva Nord alza il baricentro e produce occasioni a ripetizione: Infusino coglie la traversa e La Cava salva sulla linea un tiro di Naccarato. Prima del riposo, Limongi induce Orofino di Paola ad indicare il dischetto in seguito ad un fallo di mano. Oliveto è preciso e non si fa ipnotizzare da Iorio. Nella ripresa la Brutium cinge d’assedio l’area di rigore dell’Aieta, ma non va oltre un paio di tentativi dalla lunga distanza che non impensieriscono gli avversari, abili a difendersi con dieci elementi dietro la linea del pallone. Un espulso per parte: De Presbitoris e Corrao. Finisce con un altro ko e con la consapevolezza che senza il rientro degli infortunati di lungo corso e di Martire (ha un’altra giornata di squalifica), sarà davvero dura. (Luigi Brasi)

Il tabellino:
AIETA: Iorio, Manzi, Limongi, An. De Presbitoris, R. Oliva, La Cava (82′ Pacino), Al. De Presbitoris, Guerrera, De Franco, G. Oliva, dieni (91′ B. Oliva). Adisp.: Forestieri, Napolitano, Maned, Carlomagno, Gazzaneo. All.:F. Oliva
BRUTIUM COSENZA: Malizia, De Rosa, Scarlato, Corrao, Ponzio, Bonofiglio, Infusino (74′ De Franco), Di Maria (64′ Foggetti), Oliveto, Crescibene (79′ D’Elia), Naccarato. A disp.: Gaudio, Viteritti, Vommaro, Esposito. All.: De Vincenti
ARBITRO: Orofino di Paola
MARCATORI: 12′ Dieni (A), 18′ De Franco (A), 45′ Oliveto (B, rig.)
NOTE: Spettatori circa un centinaio di cui una quarantina da Cosenza. Espulsi: Al. De Presbitoris (A), Corrao (B). Ammoniti: Scarlato (B), Iorio (A), Guerrera (A), Dieni (A). Angoli 8-1 per la Brutium.

Related posts

error: Contenuto Protetto Da Copyright Cosenzachannel.it