Tutte 728×90
Tutte 728×90

Liotti: la spalla fa crack. Arrivederci al 2013. Gagliardi medita

Liotti: la spalla fa crack. Arrivederci al 2013. Gagliardi medita

Sublussazione per l’esterno che dovrà star fermo almeno 3 settimane. Ora Gagliardi dovrà nuovamente rimodulare l’undici in base agli under. Ecco tutte le soluzioni.
liotti_smorfia
Ancora un cattiva notizia per il Cosenza. L’esterno sinistro Daniele Liotti dovrà infatti star fermo per almeno tre settimane a causa di una sublussazione alla spalla. Stop di almeno 20 giorni quindi e 2012 finito per un ragazzo che nella pausa natalizia dovrà sicuramente lavorare per farsi trovare pronto nel nuovo anno. Liotti e’ il titolare della corsia sinistra ed è il giocatore del 1994 su cui Gagliardi fa maggiore affidamento. Il suo stop, in attesa di capire se arriveranno altri under pronti a giocare dal primo minuto, costringerà il tecnico a rimodulare l’undici per capire chi schierare e quali under mandare in campo. La prima ipotesi sarebbe quella di affidare la maglia numero uno a Frlez, scegliendo quindi due fra Salvino, Pesce e Piromallo a centrocampo. Sarebbe difficile però in questo momento rinunciare a quei calciatori che stanno trovando un posto fisso fra i titolari, senza dimenticare che, il portiere sloveno, non gioca da tante gare. Si potrebbe andare pertanto verso un cambio di modulo, mal digerito forse in questo momento dall’allenatore ma necessario. Spazio quindi al 3-4-3 con Straface in porta, il solito trio in difesa e un centrocampo con Fiore intoccabile a destra, Benincasa con uno fra Salvino e Piromallo al centro e Pesce che potrebbe allargarsi a sinistra. Non è da sottovalutare anche la possibilità che Salvino, provato talvolta in allenamento sulla corsia esterna, possa trovare in quel ruolo una maglia da titolare. Così facendo, il tecnico potrebbe dare spazio a Salvo Arcidiacono nel tridente offensivo coprendo di fatto il posto destinato da regolamento ad un classe 1994. Il reparto poi sarebbe completato da Marano e Mosciaro. Terza ipotesi, assolutamente da non scartare, è l’inserimento dal primo minuto di De Cicco. Il ragazzo sta crescendo molto ed è al centro del progetto. Piace all’area tecnica e al mister che spesso in allenamento verifica i suoi progressi. Un suo impiego consentirebbe a Gagliardi di non snaturare il modulo in campo. Sarà il Sanvitino quindi a dare le risposte ed in tal senso è fondamentale il test del giovedì che darà garanzie a Gagliardi. Valutazioni, prove e dubbi tutti da sciogliere in attesa di un mercato che potrebbe portare a Cosenza pedine in grado di non snaturare l’assetto in campo. (Francesco Palermo)

Related posts