Tutte 728×90
Tutte 728×90

Licata-Cosenza: peggior difesa contro miglior attacco

Licata-Cosenza: peggior difesa contro miglior attacco

I rossoblù al Liotta si troveranno di fronte una formazione che ha incassato 25 gol, ma che in casa subisce pochissimo, tanto da essere capitolata meno dei Lupi al San Vito.

benincasa_con_la_cavese

Benincasa in contrasto su Langella della Cavese domenica al San Vito (foto mannarino)

Il confronto del Dino Liotta metterà davanti il migliore attacco del campionato contro l’attuale peggiore difesa. Tutto scontato e semplice all’apparenza, ma il calcio non è affatto una scienza esatta. Sebbene sia fatto di numeri, talvolta essi sono bugiardi. E’ il caso del match Licata-Cosenza, dove le cifre che accompagnano i padroni di casa verso il test contro la vice-capolista possono trarre in inganno. L’allenatore, Pippo Romano, è subentrato in corsa a Giuseppe Balsamo che a sua volta aveva concluso brillantemente lo scorso torneo. I gialloblù hanno incassato 25 gol, peggio di chiunque altro, ma Gagliardi ha già sottolineato che non c’è da fidarsi. Saggia osservazione. I siciliani pagano l’aver raccolto la palla in fondo al sacco 4 volte contro l’Agropoli, 5 volte contro il Città di Messina e 4 contro l’Acr. Le gare in questione sono state disputate tutte in trasferta, segno che tra le mura amiche la musica cambia radicalmente. Eccome se cambia: il Licata col sostegno del proprio pubblico ha subito soltanto 7 reti, meno di quelle che i supporter dei Lupi sono stati costretti a mandare giù al San Vito (violato in 10 occasioni dagli avversari). Anche il cammino casalingo degli uomini di Romano è positivo: nelle ultime sei partite sono arrivate quattro vittorie, un pari e una sconfitta, rimediata nell’ultimo turno al San Filippo al cospetto della corazzata costruita da Lo Monaco. Guai a scendere in campo rilassati, pertanto, specialmente se torneranno disponibili come sembra Riccobono e Semprevivo, rispettivamente esterno micidiale e affidabile centrale difensivo.  (Luigi Brasi)

Related posts