Tutte 728×90
Tutte 728×90

Paonessa avverte il Messina: “Vogliamo vincere, lotteremo fino all’ultimo”

Paonessa avverte il Messina: “Vogliamo vincere, lotteremo fino all’ultimo”

Il nuovo centrocampista del Cosenza si è già calato nella parte. “La gara contro il Montalto? No comment, sono un prefessionista e vestivo un’altra maglia”.

paonessa_contro_il_Montalto

Francesco Paonessa ha esordito domenica contro l’Acr Messina (foto mannarino)

Francesco Paonessa non vedeva l’ora di tornare a vestire la casacca della squadra che lo lanciò nel calcio che conta. Arrivato a Cosenza da giovanissimo, esordì, appena maggiorenne, in Serie B con i Lupi nella stagione 1998-1999. “Di tempo ne è passato ed anche la categoria è diversa – spiega – ma nella vita ma dire mai”. Paonessa domenica è entrato nella ripresa al posto di Guadalupi mettendo muscoli e fiato a disposizione degli uomini di Gagliardi. Ha agito nella zona nevralgica del campo, calcando il San Vito con la maglia rossoblù dodici anni dopo l’ultima volta. “Una grande emozione, abbiamo raggiunto la vetta battendo quella che era la capolista. Correre sotto la Curva Sud in festa, non ha prezzo. Ho visto gli occhi dei calciatori del Messina, erano amareggiati. Il successo non ci deve far dimenticare che i giallorossi hanno un organico importante, tanto che quando Savanarola e Corona sono entrati in campo abbiamo sofferto un po’. Il Cosenza però è assolutamente all’altezza dei nostri rivali ed è uno dei motivi per cui ho scelto di tornare”. Il nuovo centrocampista messo sotto contratto da Viale Magna Grecia era già transitato dal San Vito nella disfatta interna col Montalto. “No comment – se la ride – Sono un professionista ed il mio lavoro è questo. Comunque all’interno dello spogliatoio c’è grande rispetto per il Cosenza, che è la squadra più importante della provincia. Qui ho trovato un bel gruppo, qualcuno lo conoscevo già e non ho avuto problemi ad inserirmi. Il mister? Brava persona, sono a sua disposizione e per me non fa differenza giostrare da mediano o da mezzala”. Chiusura dedicata al futuro. “E’ un campionato duro, ci sono squadre attrezzate per stazionare nelle posizioni che contano. Noi venderemo cara la pelle e daremo tutto fino alla fine sperando di vincere”. (Luigi Brasi)

Related posts