Tutte 728×90
Tutte 728×90

Pallavolo, per Cosenza un “ritorno al futuro”

Pallavolo, per Cosenza un “ritorno al futuro”

Dopo la pausa, la DeSetaCasa ritorna affamata dei tre punti. La partita di domani ed i prossimi avversari del sestetto rossoblù, la Domar Altamura, rappresentano un bel banco di prova.
Il_muro_di_Di_Fino_e_Smiriglia
Sembra passata una vita. L’astinenza, dovuta alla pausa dei campionati per l’elezione del presidente FIPAV (che ha visto la rielezione del presidente uscente, Carlo Magri) , iniziava ad avvertirsi sovente. La DeSetaCasa Cosenza ci aveva preso gusto, a suon di prestazioni convincenti e sull’onta dell’entusiasmo dell’ultima fantastica vittoria al tie-break contro Monterotondo. Ma guardiamo il vero e concreto lato positivo: la pausa è servita al team di Via Liceo per recuperare completamente qualche acciacco dei suoi atleti, preparare con dovizia le prossime due gare e chiudere in bellezza un anno, il 2012, fantastico. Per cui, i prosimi match contro Altamura e Messina, saranno fondamentali. Un ritorno di Cosenza, dunque, proiettato al futuro. Cosenza ha dimostrato nelle ultime partite e, soprattutto, contro Monterotondo che le qualità del roster sono molteplici e che, con un pizzico in più di convinzione e cattiveria agonistica, possiede tutti i mezzi per poter puntare ad un pizzamento nelle parti nobili della classifica. Domani il primo scoglio. Una partita sulla carta abbordabile: la Domar Altamura non sembra irresistibile. La formazione pugliese è ancorata in penultima posizione davanti solo alla MyMamy Reggio Calabria con due punti conquistati in nove partite. Il roster pugliese presenta l’intero nucleo che ha giocato lo scorso torneo di B2, confermato in blocco, più qualche nuovo innesto di categoria come i centrali Lacalamita e Minenna ed il laterale Incampo (ex Squinzano). In casa rossoblù la partita è stata preparata nei minimi dettagli, in vero e proprio “stile Jeroncic”. La gara non deve essere però presa alla leggera e Altamura non va sottovalutata: i tre punti sono d’obbligo. Per cui Cosenza dovrà mantenere i nervi saldi, giocare come sa e conquistare l’intera posta in palio. Pochi i dubbi di formazione: la DeSetaCasa schiererà il giovane e talentuoso alzatore, scuola Sisley, Colarusso in cabina di regia a formare la diagonale con l’opposto Di Fino, Galabinov e Malluzzo di banda a scardinare la difesa dei pugliesi, Muccio ed il coriglianese Smiriglia al centro cui spetta il solito compito di bloccare a muro gli attacchi pugliesi, De Marco il libero; con il contributo prezioso dalla panchina di Garofalo,Piluso, Spadafora, Andropoli e Perri. Ad arbitrare l’incontro saranno i due maceratesi Miriam Polidori e Aldo Fogante.  (Pasquale Marzocchi)

Related posts

error: Contenuto Protetto Da Copyright Cosenzachannel.it