Tutte 728×90
Tutte 728×90

Speciale: Promossi&Bocciati (II parte)

Speciale: Promossi&Bocciati (II parte)

I voti di fine anno al mercato delle squadre del girone I. Come in estate, lo scettro va all’Acr Messina che ha saputo sostituire con facilità Leon e Croce. Rimandato il Cosenza.

promossi_e_bocciati

Dal mercato dicembrino dipenderà l’esito del campionato di Serie D

Il Montalto di Franco Giugno ha mantenuto inalterato l’organico, stipulando però un accordo con il Chievo Verona. Non solo la punta ’91 Valeriani, ma anche altre operazioni all’orizzonte. La Gelbison, conservando l’intelaitura già collaudata ha dimostrato di voler competere fino all’ultima giornata per il salto di categoria. Non male nemmeno la Cavese che sebbene si sia privata del perno del suo centrocampo, ha comunque dato al ds Simonetti carta bianca per operare. Male l’Aropoli.

AGROPOLI: VOTO 4,5 Si è indebolita a tal punto da sostenere che non esista più quella squadra sbarazzina di inizio stagione. Se mandi via Manfredini, Toscano, Sokkoum e “nonno” Carotenuto significa che le ambizioni sono state riviste al ribasso. Giraldi e Ragosta provenienti dal Savoia e Ottonello della Cavese sono pezze insufficienti.
CAVESE: VOTO 6,5 Quando è stato chiuso il rapporto con il centrocampista Alfano, in molti hanno urlato allo scandolo. Invece la società ha affidato l’incarico al ds Simonetti che ha puntellato l’organico in ogni reparto. Importanti gli ingaggi di Esposito, Rinaldi e Varriale. La Cavese può essere la mina vagante del girone di ritorno.
GELBISON: VOTO 6,5 Non ha praticamente effettuato alcuna operazione, se non piccole cessioni che sfoltiscono l’organico. Confermando tutti i big, che avevano richieste da tutte le parti, è un messaggio deciso al campionato. Erra sta dimostrando che è un signor allenatore e dirà la sua fino alla fine.
MONTALTO: VOTO 7 La squadra di Franco Giugno non aveva bisogno di rinforzi eclatanti, ma ha operato alcuni movimenti mirati: in mediana via Paonessa inutilizzato, dentro il ’93 Modou e Cosentini. In avanti preso il ’91 Valeriani dal Chievo, col quale è stata stretta una partnership. No al Cosenza per Iannelli.
NOTO: 6 Farsi scappare Fontanella meriterebbe uno zero in pagella, ma i granata hanno operato in totale una trentina di operazioni in entrata ed uscita. La squadra va vista all’opera prima di promuovere o bocciare. L’ultimo colpo è il difensore Astarita.
RIBERA: VOTO 6 Dato il benservito a Di Miceli si credeva che potessero esserci dei problemi, invece Cortese ha dato immediatamente peso all’attacco e gol. Peccato per le tre giornate di squalifiche rimediate ieri.
CLICCA QUI PER LA TERZA PARTE DELLO SPECIALE

Related posts

error: Contenuto Protetto Da Copyright Cosenzachannel.it