Tutte 728×90
Tutte 728×90

Pallavolo, Cosenza aspetta Messina

Pallavolo, Cosenza aspetta Messina

Ultima gara dell’anno per la DeSetaCasa che domenica affronterà in casa la Pallavolo Messina di coach Rigano, in una sfida dal sapore particolare.
Di_Fino_opposto_DeSetaCasa
Dimenticare Altamura. È questo l’imperat che ha assillato il team rossoblù nel corso di tutta la settimana. Coach Jeroncic ha torchiato, sotto il profilo sia atletico che tattico, i suoi più del dovuto perché una sconfitta del genere non può certamente passare inosservata. La formazione scesa in campo sabato scorso in terra pugliese non è altro che la lontana cugina della Cosenza Pallavolo ammirata al “PalaFerraro” la settimana prima contro Monterotondo. Solo una prestazione entusiasmante e di livello potrà riscattare la dura debacle di Altamura e chiudere in bellezza il 2012. Il compito, tuttavia, non sarà semplice . Domenica sera, infatti, Di Fino e co. avranno l’arduo compito di affrontare tra le mura amiche la Pallavolo Messina. Un match dal sapore particolare. Un “semi-derby” lo ha definito il ds Perri. Si, perchè la rivalità che oggi affolla le cronache sportive non è esclusivamente di matrice calcistica, ma anche di tipo pallavolistico. I giallorossi sono una vecchia conoscenza della società di Via Liceo. C’è grande stima e rispetto fra le dirigenze ed i rapporti sono amichevoli e consolidati. Sotto il profilo tecnico entrambe le compagini si conoscono molto bene. Nella fase di preparazione al campionato,infatti, si sono affrontate più volte (di cui una al Trofeo di Camigliatello) disputando amichevoli “back-to-back”. Destini paralleli ma, nostro malgrado, cammino decisamente diverso. La formazione di coach Rigano viaggia col vento in poppa dopo un inizio di campionato balbettante: ha raccolto ben cinque vittorie nelle ultime cinque partite ed è al terzo posto in classifica. A cadere sotto i colpi dei peloritani sono state, tra le altre, Monterotondo e Casarano – antagoniste dei giallorossi nella rincorsa ad un piazzamento play-off – e persino la capolista Casandrino. Il roster è di prim’ordine : da Pizzo (B1) è arrivata la consolidata diagonale palleggiatore opposto formata da Quartarone e Cannistrà; dall’Asti (B1) è arrivato lo schiacciatore Saglimbene; mentre da Pineto – sempre in B1 – il centrale Testagrossa. Ad impreziosire la rosa, che può contare anche sulla base che conquistò la promozione in B1 (Boscaini & co.), è arrivato in riva allo Stretto il libero Dario Messana – in A1 con Modena, Latina, Perugia e Verona, e in A2 con Pineto, Castellana Grotte e Vibo. Una squadra,dunque, dall’altro tasso tecnico e dall’esperienza consolidata. In casa Cosenza, la gara contro la Domar Volley ha lasciato strascichi negativi anche in infermeria. Recuperato totalmente Andropoli, chi non sarà sicuramente della gara è, invece, il centrale Smiriglia: la tendinite patita nel riscaldamento pre-partita contro la Domar lo terrà lontano dal parquet per un paio di settimane. Notizie confortanti,invece, giungono dal bollettino medico del nostro martello Jordan Galabinov, uscito anzitempo nell’ultimo set contro Altamura per una distorsione alla caviglia sinistra : il bulgaro ha recuperato e l’entità dell’infortunio non dovrebbe pregiudicarne l’utilizzo per domenica. Arbitreranno l’incontro i catanzaresi De Sensi e Nicolazzo. (Pasquale Marzocchi)

Related posts

error: Contenuto Protetto Da Copyright Cosenzachannel.it