Tutte 728×90
Tutte 728×90

Cosenza, il gruppo torna a correre

Cosenza, il gruppo torna a correre

Fino a domenica si andrà avanti al ritmo di doppie sedute. L’italo-tedesco De Vico è tornato al Sanvitino e può considerarsi ufficialmente un calciatore rossoblù.

torello_sanvitino

Il gruppo al Sanvitino per il consueto torello pre-allenamento (foto mannarino)

Passato il Natale si riparte in casa rossoblù. La sconfitta rimediata con il Ragusa ha chiuso in malo modo una prima parte di stagione positiva e il tecnico Gagliardi vuole concentrazione anche durante la sosta. Al rientro al San Vito, il gruppo ha sostenuto una doppia seduta. In mattinata i calciatori hanno dato vita ad una partitella otto contro otto dopo i consueti esercizi. Nel pomeriggio invece, la squadra è stata divisa in due tronconi. Da una parte il mister ha voluto lavorare con i giocatori arrivati da poco verificando i movimenti della linea difensiva. Dall’altra il professore Bruni ha visto all’opera Parisi e soci nei test fisici, effettuati nella pista d’atletica del San Vito. C’è voglia di riscatto e in tal senso lo staff rossoblù vuole archiviare l’ultima battuta d’arresto e lavorare sodo anche in questi giorni per non perdere tono muscolare e concentrazione. Al campo d’allenamento si è rivisto l’italo-tedesco Maurizio De Vico. Il difensore classe 1993, ha firmato il contratto ed è ufficialmente un calciatore rossoblù. Lavoro differenziato invece per Parisi, Benincasa e Fiore. I tre calciatori vogliono presentarsi con l’abito migliore al primo impegno del 2013 ed hanno effettuato una serie di esercizi specifici per smaltire subiti gli acciacchi. Si attendono anche notizie di mercato. Il Cosenza cerca un portiere e lo ha praticamente trovato. Si tratta di Alessandro Cutrupi (19) dell’Hinterreggio che, nonostante la giovane età, ha vinto nella passata stagione il campionato da titolare con la casacca bianazzurra. Sarà quasi certamente lui il nuovo estremo difensore dei silani e nei prossimi giorni dovrebbe arrivare in città per firmare il contratto e conoscere i suoi nuovi compagni.  (Francesco Palermo)

Related posts