Tutte 728×90
Tutte 728×90

Pallavolo, Cosenza sbanca Casarano

Pallavolo, Cosenza sbanca Casarano

Prima esaltante vittoria stagionale in trasferta per il team rossoblù che batte i pugliesi al tie-break con i parziali di 3-2. Parte con il piede giusto il 2013 per gli uomini di Jeroncic.

malluzzo_schiaccia

A Casarano quattordici punti per lo schiacciatore Malluzzo (foto rosito)

Un inizio dell’anno come desiderato da tutti i tifosi. Con i fiocchi. Anzi, inizia proprio con i fuochi d’artificio il 2013 per la DeSetaCasa Cosenza corsaro a Casarano per 2-3. La vittoria di stasera ha per i rossoblù di Via Liceo un sapore doppio quanto i punti conquistati: prima vittoria dell’anno ma soprattutto prima affermazione fuori dalle mura amiche. L’unico rammarico è proprio il punto concesso ai pugliesi. Si, perché Cosenza al termine del secondo set conduceva la gara per 2-0 con scioltezza e padronanza. Poi la ‘remuntada’ dei pugliesi ed infine l’affermazione ai vantaggi. Non lo avremmo mai immaginato data la complessità di un match non certo facile, ma la pallavolo è questa. La palla è ugualmente rotonda anche in questo sport. In definitiva, la gara di stasera invia un segnale forte al campionato : Cosenza c’è e vuole invertire il trend discontinuo che ha sfoggiato sinora . Le voce grossa dalla dirigenza si è fatta sentire (già dal ‘memorial Sparti’).Viceversa, dal punto di vista tecnico pare che coach Jeroncic stia trovando la quadratura del cerchio definitiva. La prova del nove l’avremo domenica prossima, sempre fuori casa, contro Gaeta dell’ex Angel Beltran a chiusura del girone d’andata. Ma i segnali sono più che confortanti. Questa settimana si potrà lavorare con più serenità e morale positivo, ma guai a distendersi. Il cammino è ancora lungo. CRONACA. Coach Jeroncic ha a disposizione l’intera rosa ad eccezione del solo Spadafora. Galabinov e Smiriglia hanno smaltito i rispettivi infortuni e sono tornati regolarmente in campo. Casarano, invece, deve rinunciare a Dal Molin, Parisi e Trovè; mentre Laterza (ex di turno, per aver vestito la maglia del Cosenza nella stagione ’99/2000) scende in campo ma non è al 100% a causa di una forte sindrome influenzale.La DeSetaCasa Cosenza deve andare a punti per ridare ossigeno ad una classifica che si è fatta preoccupante dopo le sconfitte contro Altamura e Messina. Coach Jeroncic manda in campo Andropoli in diagonale con Di Fino; Malluzzo e Galabinov di banda; Muccio e Smiriglia al centro con De Marco libero. Casarano risponde con Laterza in cabina di regia; Musardo a sostituire l’opposto titolare Dal Molin; Battilotti e De Leo laterali; Coi e Anastasia al centro con Bisanti libero. Nel primo set parte subito bene la DeSetaCasa Cosenza che si porta sull’1-4. Casarano, però, si rimette in gioco, ma alla fine i Lupi sono in vantaggio sia al primo (7-8) che al secondo time out tecnico (15-16). Nella seconda metà del game i cosentini prendono il largo: dal 16 pari Galabinov e soci ingranano la quarta ed accumulano un break di 3 punti che li porta sul 16-19. Casarano prova ad impensierire la DeSetaCasa che, comunque, mantiene il +3 ed allunga piazzando un altro break che la porta dal 19-21 al 19-24 e risulta decisivo ai fini della conquista del parziale. Il secondo set sembra seguire la stessa falsariga del primo: la DeSetaCasa Cosenza si porta sul 2-4, salvo poi subire il prepotente ritorno dei salentini che riescono a portarsi sul 6-5. Al primo tempo tecnico va, comunque, in vantaggio la formazione di via Liceo per 7-8. La squadra di Jeroncic comincia a balbettare, permettendo ai padroni di casa di portarsi in vantaggio prima per 9-8, poi per 12-9. Il break 3 messo a segno dai casaranesi ridesta la formazione bruzia, brava a rispondere con un altro break che ferma il risultato sul 12 pari. Le squadre si rispondono colpo su colpo, ma sono Battilotti e soci ad andare al riposo per 16-14 al secondo tempo tecnico. Al rientro in campo Casarano allunga fino al 18-15, ma Di Fino e compagni non ci stanno a ripetere lo stesso spartito di Altamura e si portano sul 18 pari. Le squadre si fronteggiano alla pari ed alla fine sono i cosentini a piazzare un break importantissimo e decisivo che li porta dallo svantaggio per 20-19 alla vittoria per 20-25. Nel terzo game è Casarano a partire col piglio giusto: al primo time out tecnico i pugliesi sono in vantaggio per 8-4. Cosenza subisce il colpo e i padroni di casa allungano fino al 16-10. I Lupi rossoblù non riescono a controbattere ai colpi dei padroni di casa guidati da Musardo e vanno sotto addirittura per 21-12. Per la squadra leccese è poi semplice chiudere e rimandare ogni discorso al quarto set. L’occasione è ghiotta e la DeSetaCasa Cosenza si ripresenta sul terreno di gioco decisa ad ottenere i primi tre punti esterni del campionato. I rossoblù partono bene (1-4) e si portano al primo tempo tecnico sul 6-8, ma subiscono la reazione del Casarano che passa sul 13-12. Di Fino e Galabinov riportano sopra Cosenza ed al secondo tempo tecnico i Lupi sono sul 14-16. La DeSetaCasa riesce a portarsi sul +3, ma un coriaceo Casarano ribalta la situazione. I cosentini conducono sempre i giochi (19-22) ma sul finire del set riescono a farsi raggiungere e superare dagli avversari, bravi a chiudere poi sul 25-22 sfruttando errori dei bruzi ed una ammonizione rimediata da Di Fino dopo un punto assegnato dalla coppia di fischietti al Casarano. Al tie break la DeSetaCasa Cosenza parte subito forte e va sullo 0-4, ma deve poi subire ancora il ritorno dei padroni di casa che passano sull’8-7 ed allungano sul 12-9. La reazione del Cosenza finalmente arriva quando Casarano è sul 13-11: i rossoblù piazzano un break micidiale e chiudono sul 15-13. (Pasquale Marzocchi)

Il tabellino
Filanto Casarano-DeSetaCasa Cosenza 2-3
(
20-25; 20-25; 25-15; 25-22; 13-15)
Filanto Casarano: Laterza 2; Musardo 23; De Leo 15; Anastasia 4; Torsello 1; Battilotti 18; Coi 8; Bisanti (L); Fersini n.e. Allenatore: Fabrizio Licchelli.
14 errori in battuta; 7 ace; 13 muri.
DeSetaCasa Cosenza: Andropoli 4; Malluzzo 14; Garofalo; De Marco (L); Di Fino 18; Muccio 11; Piluso; Galabinov 20; Perri n.e.; Smiriglia 6; Colarusso. Allenatore: Zoran Jeroncic.
10 errori in battuta; 3 ace; 16 muri.
Arbitri: Marco Colucci (Matera); Pierpaolo Di Bari (Brindisi)

Related posts