Tutte 728×90
Tutte 728×90

Cosenza, positivo l’inserimento dei nuovi

Cosenza, positivo l’inserimento dei nuovi

Cutrupi ha compiuto una parata decisiva, mentre Cavallaro si è disimpegnato bene. Foderaro è andato a segno, dimostrando di essere una valida spalla per Mosciaro.

fiore_di_testa_a_nissa

Fiore, riportato a centrocampo da Gagliardi, qui svetta di testa (foto shartella)

Si apre con una vittoria il 2013 del Cosenza. Il test con la Nissa, giocato in un clima surreale e contro una squadra non all’altezza del potenziale rossoblù, non può essere il vero banco di prova per tastare le potenzialità dei Lupi. Nei novanta minuti giocati a Caltanissetta però, Gagliardi doveva valutare l’inserimento dei nuovi, e soprattutto, vincere, senza se e senza ma. In tal senso il 3-0 rappresenta una risultato senza dubbio positivo. I rossoblù devono fare i conti con il Messina capolista ma un passo falso può essere già decisivo e il tecnico non vuole cali di concentrazione. Sul suo taccuino, l’allenatore cosentino, avrà annotato indubbiamente qualcosa di buono. Cutrupi non ha dovuto fare gli straordinari ma nelle occasioni in cui è stato chiamato in causa, ha risposto positivamente, compiendo una gran parata e dando il via all’azione del gol di Foderaro. Anche l’attaccante ha dato risposte positive. Oltre alla rete ha corso molto, dimostrando di voler lasciare il segno in questa esperienza che inizia per lui. Bene anche Cavallaro. Tanta corsa, ottimi tempi in fase difensiva e spinta costante in avanti. I nuovi, in attesa di test più interessanti, hanno dimostrato di poter dare qualcosa in più alla squadra. C’era da valutare anche l’esperimento Fiore. Il termine esperimento è forse azzardato, vista la qualità del centrocampista. Gagliardi lo vuole più vicino alla porta e il calciatore cosentino ha dimostrato che a lui basta indossare la maglia rossoblù per strappare un sette in pagella anche quando la condizione fisica non è al top. Le prove sono quindi positive e la trasferta in terra siciliana porta in dote tante note liete per la truppa rossoblù. La caccia al Messina è appena iniziata e dal mercato sono arrivate le mosse giuste, nonostante le difficoltà incontrate e un budget praticamente inesistente. Sorride Gagliardi e sorride anche Mosciaro. Altre due reti, che portano il suo bottino a quindici, e un segnale chiaro al club di Lo Monaco. Tre punti di vantaggio possono essere gestiti ma avere il fiato sul collo non è salutare per chi guida la classifica. Il Cosenza si gode il capocannoniere, un parco under finalmente competitivo e una serie di calciatori esperti che hanno voglia di lasciare il segno in campionato. La prima pagina del 2013 pertanto, è sicuramente positiva. Il resto è ancora da scrivere ma Parisi e soci, hanno voglia di ricordare l’anno appena iniziato e festeggiarlo con la promozione. Il Messina è avvisato. (Francesco Ribera)

Related posts