Tutte 728×90
Tutte 728×90

Pallavolo, Cosenza al giro di boa

Pallavolo, Cosenza al giro di boa

Ufficializzato un nuovo main sponsor. Ultimo match a chiusura del girone d’andata per la DeSeta Casa che ospiterà al “Ferraro” la Serapo Gaeta dell’ex Beltran. 

Galabinov_contro_castellana

Galabinov nella partita contro Castellana mentre vola per aria

Alberga ancora un sapore amaro per la sconfitta subita dalla DeSetaCasa Cosenza sabato scorso contro la Pallavolo Martina Franca. Croce e delizia. La Puglia, infatti, in questo girone d’andata ci ha regalato gioie ma anche dolori. Il 3-1 finale è un risultato un po’ bugiardo per l’andamento effettivo e l’equilibrio del match. I rossoblu, come già raccontato, hanno lottato punto a punto contro un avversario lanciatissimo nella lotta alla promozione e vera sorpresa del campionato. Ma il team rossoblù condotto da coach Jeroncic pensa già alla partita di domenica in cui affronterà , tra le mura amiche del “PalaFerraro”, la Serapo Volley Gaeta dell’ex Angel “Angelino” Beltran (centrale cubano che ha militato nell’Eurosport Brutium Cosenza in A2 nel 2003/2004). La formazione laziale è una delle poche squadre reduci dall’ecatombe estiva che ha colpito il girone C della B1 2011/2012 e che ha portato a numerose defezioni nel torneo in corso. Attualmente occupa la nona posizione con 16 punti, frutto di 5 vittorie e 5 sconfitte, ed è reduce dal tie-break perso contro il Monterotondo. Al roster dello scorso anno si sono aggiunti l’opposto Beltran (arrivato dal Civita Castellana, B2); il palleggiatore Valenti (prelevato dall’Invicta Grosseto in B1); I laterali Marino (dal Mantova, B1), De Meo (Chieti, B2), Durante (Casarano, B2); il centrale Tari (Terracina, B2). Nelle ultime settimane l’infortunio del centrale Miscione ha costretto il Gaeta a giocare con il laterale Marino al centro ed è molto probabile che anche a Cosenza la squadra laziale opterà per tale soluzione. Tuttavia, anche i silani hanno da fare i conti con l’infermeria. In particolar modo, sotto osservazione è il reparto dei centrali : Spadafora ha riportato uno stiramento al tendine rotuleo del ginocchio e sarà sicuramente out; Muccio sta smaltendo i postumi di una fastidiosa contrattura al braccio ma dovrebbe essere regolarmente in campo; mentre è in forte dubbio il giovane Smiriglia alle prese con la tendinite alla spalla. Il centrale ha lavorato in gruppo l’intera settimana ma senza forzare : capitan Piluso è in preallarme e scalpita come non mai, il suo cuore in campo sarà necessario. Per il resto, nessun dubbio di formazione per coach Jeroncic : l’affiatata coppia Andropoli-Di Fino in diagonale, Galabinov e Malluzzo di banda, Muccio e uno tra Smeriglia o Piluso, Massimo De Marco libero. Detto ciò, la DeSeta Casa Cosenza ha l’obbligo di conquistare l’intera posta in palio.: la Domar Altamura ha colmato il divario in classifica e nel prossimo turno – quando i rossoblu osserveranno un turno di riposo – riceverà in casa il Giarratana. La retrocessione deve essere evitata a tutti i costi. Infine, c’è da evidenziare che la società di Via Liceo ha ufficializzato nei giorni scorsi l’accordo con un nuovo main sponsor che andrà ad affiancare “DeSeta Casa”. Si tratta della società “SINCO S.r.l.” e comparirà già da domenica sulla maglia da gara del libero casentino, Massimo De Marco. Nel comunicato ufficiale la società rossoblù esprime tutto il suo entusiasmo e la forte empatia raggiunta con il nuovo sponsor : “La “SINCO s.r.l.” – si legge testualmente- si aggiunge, dunque, alle altre aziende che hanno deciso di legare il proprio nome a quello della maggiore – e più blasonata – realtà pallavolistica dell’hinterland cosentino, tra le quali è giusto menzionare l’azienda DeSetaCasa, main sponsor del club di via Liceo. L’avvio di questa nuova partnership non può che inorgoglire la dirigenza tutta dell’A.S. Cosenza Pallavolo e domenica pomeriggio – prima dell’inizio della gara di B1 maschile tra DeSetaCasa Cosenza e Serapo Volley Gaeta – si svolgerà una breve cerimonia di consegna della casacca recante il logo della SINCO al libero rossoblù.” (Pasquale Marzocchi)

Related posts