Tutte 728×90
Tutte 728×90

Mosciaro furibondo: “Sì, penso alla Nocerina”

Mosciaro furibondo: “Sì, penso alla Nocerina”

Il bomber del Cosenza è il più deluso di tutti e lascia trasparire qualcosa che potrebbe compromettere il progetto dei rossoblù: “Così non andiamo da nessuna parte”.

noto-cosenza

Manolo Mosciaro è stato il simbolo del girone di andata del Cosenza.  (foto Lamarca)

Manolo Mosciaro è una furia. Avrebbe voluto dare una mano ai compagni in campo, ma la partita di Noto ha chiarito che senza di lui il Cosenza non tira in porta. Via il prosciutto davanti agli occhi pertanto, consapevoli che esistono problemi da risolvere al più presto. Su Mosciaro c’è il pressing pesante della Nocerina le cui avance per adesso sono state respinte. Per adesso però. “L’offerta dei Molossi mi fa pensare – ammette con la sincerità che lo contraddistingue – Per me il Cosenza viene prima di ogni cosa, ma è ovvio che ci sto pensando. Il mio desiderio è di rimanere in rossoblù, ma questa scelta interessa anche la mia famiglia ed è normale ragionarci su”. Tornando alla partita, Mosciaro è rabbuiato. “La prestazione è stata insufficiente, abbiamo trovato un ambiente duro, ma la prestazione non si può dire sia stata delle migliori. Abbiamo incassato due gol evitabilissimi: cosi non si va da nessuna parte. Bisogna essere chiari e darsi una regolata, perché la prestazione è stata penosa”. Il bomber non si dà pace. “Prendiamo troppi gol sia per errori indiviudali che collettivi. Difficile trovare i perché, ma dovevamo fare la partita noi ed invece loro sembravano il Cosenza. Avevano più fame e ci hanno irretiti: sono delusissimo mi aspettavo a livello caratteriale ben altra prestazione”. (l. s.)

Related posts