Tutte 728×90
Tutte 728×90

Dellisanti: “A Cosenza per far punti ma il campionato è aperto”

Dellisanti: “A Cosenza per far punti ma il campionato è aperto”

Il tecnico dell’Agropoli: “Con il Messina meritavamo il pari. Siamo in crescita e affrontare i rossoblu è stimolante. Vogliamo fare bella figura e rimediare ad un ko immeritato”.
dellisanti_agropoli
E’ bugiarda la classifica dell’Agropoli, prossima avversaria del Cosenza. La compagine allenata da Franco Dellisanti, partita con programmi d’alta classifica, ha deluso le aspettative ma è in netta crescita. La sconfitta maturata contro il Messina è bugiarda almeno secondo l’allenatore che ha parlato del match fra la sua squadra e il Cosenza. “Non sarà facile perché si incontreranno due squadre che hanno grandi motivazioni. Noi veniamo da novanta minuti giocati bene, la condizione fisica è in netta crescita e contro i giallorossi avremmo meritato almeno un punto. Abbiamo giocato alla pari, forse anche meglio, e solo la sfortuna ha condizionato il punteggio finale. I rossoblù invece sono reduci da un ko inatteso e si sono allontanati dalla vetta. Credo che avranno voglia di rialzare la testa subito”. Poi il tecnico entra nello specifico. “Il Cosenza è stato costruito per vincere questo torneo. Hanno avuto alcune vicende che non aiutano a centrare l’obiettivo ma stiamo parlando di un organico davvero forte. Possono soffrire, così come capita a tutte le squadre e dobbiamo essere bravi noi ad individuare i loro punti deboli. Parlare però è un conto. Se non riesci a mettere in pratica ciò che prepari in settimana, rischi di perdere. Noi abbiamo lavorato bene, siamo in crescita e veniamo da una sconfitta che ci ha comunque dato indicazioni positive. Siamo pronti”. In chiusura Dellisanti parla della corsa in vetta. “E’ un campionato molto strano in cui tutto può accadere. Il Cosenza, dopo la sconfitta con il Noto, ha perso contatto dalla vetta ma non la voglia di centrare l’obiettivo. Ogni domenica è facile assistere a ribaltoni. Nessuno aveva pronosticato la vittoria dei siciliani contro i rossoblù così come nessuno pensava che l’Agropoli potesse giocare meglio del Messina. Avremmo dovuto conquistare punti e invece ci siamo trovati con un pugno di mosche in mano. Con questo voglio dire che fare pronostici a gennaio non è facile ma credo che da qui a fine marzo sarà tutto più chiaro. Inizia ora la fase calda del campionato. (Francesco Ribera)

Related posts