Tutte 728×90
Tutte 728×90

La Boxe Popolare continua a far parlare di sé anche a Matera

La Boxe Popolare continua a far parlare di sé anche a Matera

I pugili cosentini ritornano dal terzo “Torneo dell’amicizia” con un bottino di tutto rispetto frutto di due vittorie nei tre match disputati.
mazzotta boxe a materaIl pugile Mazzotta della Boxe Popolare nel torneo di Matera
La manifestazione, organizzata dalla pugilistica Quero Chiloiro di Taranto, ha visto sfidarsi sul ring di Matera quaranta pugili dilettanti provenienti dal sud Italia in occasione del terzo “Torneo dell’amicizia”. Gli atleti cosentini, guidati all’angolo dai tecnici Tallarico e Rizzuti, hanno ben figurato uscendo a testa alta da tutti i match disputati. E’ bastata una sola ripresa al mediomassimo Aceto per avere la meglio sul materano Barbaro. Il pugile cosentino, nonostante fosse reduce da un periodo di inattività ha cominciato bene l’incontro, costringendo il suo avversario alle corde per quasi tutta la durata della ripresa. Al termine del round l’intervento per ferita del medico della riunione ha decretato lo stop per Barbaro, consegnando la vittoria nelle mani del pugile cosentino, che adesso potrà preparare i prossimi impegni con molta serenità e consapevole del suo valore. L’esordiente superwelter Mazzotta ha, invece, dovuto vedersela con Schillaci della Pugilistica Quero Chiloiro di Taranto. Dopo un avvio equilibrato il match ha preso la giusta direzione per l’atleta calabrese, che con molta grinta si è impadronito del centro ring. Nella seconda ripresa la svolta del match, dopo un richiamo ufficiale per un colpo sotto la cintura, il cosentino ha cominciato ad intensificare gli attacchi, mettendo in difficoltà Schillaci. L’irruenza di Mazzotta mette in difficoltà l’avversario, che è costretto a ricorrere con sistematicità al fallo per contenere il pugile calabrese. La terza ripresa dura poco più di un minuto, poiché l’arbitro dell’incontro, l’internazionale Maria Rizzardo, dopo ben due richiami ufficiali non può che sospendere l’incontro e squalificare Schillaci, che ai punti comunque difficilmente avrebbe potuto vincere, vista la superiorità dimostrata dal bravo Mazzotta, per il quale adesso si schiudono le porte del torneo esordienti, che si disputerà nel mese di marzo in Puglia. Non è bastata una prova generosa al giovane junior, Riccardo Bova, per avere la meglio sul pari età tarantino, Angelo Magrì. L’atleta bruzio non partiva con i favori del pronostico, dovendo affrontare un pugile più esperto e con una non trascurabile differenza di peso di sei chilogrammi. Bova ha comunque disputato un buon incontro perdendo solo di misura. Un verdetto giusto sul quale ha inciso la prima ripresa in cui il cosentino ha faticato a trovare la giusta misura all’avversario, dotato di un maggiore allungo. Nella seconda ripresa Bova è riuscito ad avvicinarsi ed a penetrare nella guardia avversaria con colpi portati alla corta distanza. La caparbietà del cosentino tuttavia non è stata premiata, anche a causa di una terza ripresa spezzettata dai continui interventi arbitrali, che hanno premiato il pugile pugliese apparso in debito di ossigeno. Nonostante il risultato, anche da Bova sono comunque giunte conferme positive per i tecnici della
Boxe Popolare, che tornano da Matera con molta fiducia per la prosecuzione della stagione agonistica
2013.

Related posts

error: Contenuto Protetto Da Copyright Cosenzachannel.it