Tutte 728×90
Tutte 728×90

Quando è il Cosenza a trascinare i tifosi…

Quando è il Cosenza a trascinare i tifosi…

Il gol di Foderaro ha permesso di rosicchiare il quarto punto in tre match all’Acr Messina. I calciatori dei Lupi hanno così regalato un sogno in cui credere ai propri supporter.
gioia contro montaltoL’esplosione di gioia di Foderaro e dei rossoblù dopo il gol vittoria (foto mannarino)
Il Cosenza ora è padrone del suo destino. La vittoria sul Montalto ha dato consapevolezza ai silani, che a due punti dalla capolista, possono concretamente sognare il sorpasso e provare a raggiungere la vetta. E’ così perché questa squadra ha convinto proprio tutti. Ha saputo rialzare la testa dopo le sconfitte, ha battuto all’andata il Messina ed ha stretto i denti nei momenti di difficoltà, dimostrando che in rossoblù ci sono prima uomini e poi giocatori. La vittoria di ieri è stata l’ennesima dimostrazione di forza. Guadalupi e soci hanno gettato il cuore oltre l’ostacolo e anche al termine di una battaglia, hanno trovato il gol con orgoglio e caparbietà. Il Montalto, dopo la scialba prova contro i peloritani tanto “chiacchierata” dal patron De Caro, si è trasformato in una squadra ostica e pronta a tutto per mettere lo sgambetto al Cosenza. Dall’altra parte però c’era un undici affamato e sono i fatti a sottolineare ciò che è stato fatto. Gagliardi ha lavorato egregiamente e con dieci partite ancora a disposizione, è ad una manciata di punti dall’intero bottino conquistato nella passata stagione.  Anche ieri, Guadalupi, Benincasa e compagni hanno trascinato i sostenitori che credono sempre più nel sogno promozione. Il Montalto ha provato a fare la sua parte giocando davvero bene e in una gara che sarebbe potuta finire a reti bianche, i lupi hanno tirato fuori qualcosa in più proprio sul gong. Quella grinta e quella voglia di crederci che è propria di chi non molla e di chi ha bisogno di tutte le componenti di un club per agganciare l’Acr Messina. Fiore e Leonetti ieri lo hanno sottolineato al termine della gara e questo messaggio non può passare come un semplice invito. C’è bisogno di restare compatti e i Lupi necessitano di quel pubblico che ieri ha sostenuto la squadra per novanta minuti e che al San Vito dovrà raddoppiare per mettere il fiato sul collo alle avversarie di turno. Il quadro, in definitiva, sorride ad una gruppo che ha trascinato l’ambiente. Parisi e soci hanno avuto polso nei momenti delicati ed hanno tirato fuori l’orgoglio mandando un messaggio importante. Il Messina è a soli due punti e vincere , dopo tutto ciò che è accaduto, sarebbe un miracolo da mettere nella storia del sodalizio silano. Festeggiare il centenario nelle categorie importanti era nei programmi del presidente Guarascio e farlo significa centrare l’obiettivo e regalare alla città e a questa squadra il giusto riconoscimento per ciò che è stato fatto. Crederci diventa quindi obbligatorio perché chi ha riempito gli spalti del Tarsitano, dentro e fuori dal terreno di gioco, ha regalato qualcosa a Cosenza. La voglia di credere in un sogno. Mica poco di questi tempi. (Francesco Palermo)

Related posts

error: Contenuto Protetto Da Copyright Cosenzachannel.it