Tutte 728×90
Tutte 728×90

Cosenza, brutto infortunio per Scigliano. Gianluca Di Marzio in visita

Cosenza, brutto infortunio per Scigliano. Gianluca Di Marzio in visita

Mani al volto e lacrime per lui che sta attraversando una stagione delicata. Intanto Gagliardi prepara la prossima gara ma Mosciaro è ancora ai box. Lunga seduta atletica.
scigliano a portogruaroArriva un’altra tegola per Gianluca Gagliardi. Dopo le squalifiche inflitte dal giudice sportivo e lo stop di Mosciaro, si è fermato anche Andrea Scigliano. Il ragazzo è stato impiegato poco ma ha dato ottime garanzie nella passata stagione e rappresenta un’alternativa più che valida. Nelle prime battute dell’allenamento odierno, il difensore si è accasciato dopo aver messo male la gamba. Lacrime e mani al volto hanno subito dato l’impressione che l’infortunio fosse più serio del previsto. Il ragazzo è stato accompagnato negli spogliatoi perché non riusciva neanche a camminare ed è stato visitato dal dottore Milano. La prima impressione è che possa trattarsi di una fortissima distorsione, ma Scigliano verrà sottoposto domani agli esami per verificare il suo stato fisico ed escludere lesioni. Anche Mosciaro oggi era fermo. L’attaccante si sta sottoponendo alle terapie ma non è ancora in grado di allenarsi nonostante un lieve miglioramento. La situazione non è quindi facile al San Vito e il clima non è certo disteso. Le squalifiche di Benincasa e Filidoro e lo stato fisico non ottimale di diversi elementi della rosa, condizioneranno le scelte di Gagliardi che nel pomeriggio ha insistito molto su Liotti e dovrà scegliere se impiegare a centrocampo Paonessa o Piromallo. Nel pomeriggio il tecnico ha quindi diviso il gruppo in due tronconi. Da una parte il professore Bruni ha guidato gli esercizi atletici mentre dall’altra l’allenatore ha visto all’opera i suoi in un due porte negli spazi strettissimi. Poi Gagliardi ha assegnato le casacche verificando la tenuta dei suoi uomini. A bordocampo era presente Gianluca Di Marzio, figlio di Gianni che è tornato da ospite al San Vito per rivedere lo stadio a distanza di anni. “La città è trasformata ed è ancora più bella. Agli allenamenti però c’era più gente”. (f.r.)

Related posts