Tutte 728×90
Tutte 728×90

Franzese sogna Biancolino: “Mi ispiro a lui e Mosciaro”

Franzese sogna Biancolino: “Mi ispiro a lui e Mosciaro”

Il match-winner di giovedì scorso si gode il primo gol con la maglia del Cosenza. “Sono cresciuto molto in questa stagione grazie al mister e ai miei compagni di squadra”.
franzese sterzaFranzese in azione palla al piede. Giovedì scorso primo gol in rossoblù (foto mannarino)
Lorenzo Franzese è un altro di quei ragazzi che provengono direttamente dal settore giovanile. Senza il suo piattone destro, giovedì sera il Sambiase avrebbe strappato un punto dal San Vito condannando anticipatamente il Cosenza ad un altra stagione di Serie D. “E’ stata una gioia incredibile gonfiare la rete nel recupero. Il mio gol ci ha permesso di restare in scia all’Acr Messina e di continuare a cullare un sogno”. La stagione del giovanissimo attaccante rossoblù, classe 1993, è stata caratterizzata da una serie di infortuni che ne hanno compromesso le prestazioni. Gianluca Gagliardi però ha saputo lanciarlo nella mischia al momento giusto raccogliendo i frutti sperati. “Credo che nel campionato in corso io abbia fatto registrare una crescita sotto molti punti di vista. Devo molto al nostro allenatore e ai miei compagni. Cosa mi hanno detto negli spogliatoi? Mi hanno fatto i complimenti ed abbiamo festeggiato il successo nel derby”. Franzese ha realizzato soltanto la mattina seguente l’importanza del suo gesto. “Sì, leggendo i titoli dei giornali e ricevendo delle telefonate da parte di tanti amici ho capito realmente la valenza della rete e che era tutto vero il sogno che stavo vivendo”. Nelle giovanili del 1914 formava una coppia perfetta con Mattia Gagliardi, il golden-boy dei Lupi che esordì a 17 anni in Prima divisione e che il Bari strappò ai Lupi poco dopo. “Insieme, la domenica facevamo i raccattapalle a bordo campo ed abbiamo visto passare tanti grandi centravanti. A chi mi ispiro? Direi a Mosciaro e a Biancolino. Non ho problemi a svariare su tutto il fronte offensivo come Manolo che è un attaccante completo, ma stare lì davanti come Raffaele non mi dispiacerebbe affatto”. Battute conclusive dedicate al rush finale di campionato: “Purtroppo non dipende soltanto da noi, ma dobbiamo sperare che l’Acr Messina compia un mezzo passo falso prima dello scontro diretto. Noi dobbiamo fare filotto conquistando 15 punti su 15 e sperare. Dove potrebbero avere difficoltà? A Torre Annunziata più che a Licata, ma noi dobbiamo pensare alla nostra trasferta: con la Cavese sarà una sfida durissima”. (Luigi Brasi)
CLICCA QUI PER VOTARE IL NUOVO SONDAGGIO DI COSENZACHANNEL.IT

Related posts

error: Contenuto Protetto Da Copyright Cosenzachannel.it