Tutte 728×90
Tutte 728×90

Chietti: “Giocare in contemporanea col Messina? Sì, se il Cosenza ce lo chiede”

Chietti: “Giocare in contemporanea col Messina? Sì, se il Cosenza ce lo chiede”

L’allenatore della Cavese a CosenzaChannel: “Noi saremo sempre garanti della regolarità del torneo. E’ giusto per i silani e anche per noi. Quando giocammo con il Messina non ci chiesero di spostare la partita alla sera per fare il pari con Cosenza-Sambiase e poi ci accusarono di aver detto di no”.
chietti caveseL’allenatore della Cavese Francesco Chietti prepara il match di domenica con i Lupi
Francesco Chietti non ha peli sulla lingua e non vuole dare vantaggi a nessuno. La notizia che il match fra Messina e Licata sarà spostato alle 16.30 non ha assolutamente stupito l’allenatore della Cavese che lancia un messaggio diretto al Cosenza. “Abbiamo appreso dell’accordo fra le due siciliane, ma credo che in un torneo già difficile e lungo dobbiamo essere noi allenatori, i presidenti e i giocatori a garantire la massima regolarità. Proprio per questo attendiamo una telefonata dai calabresi. Se ci chiederanno di spostare il match al medesimo orario dei giallorossi, saremo ben lieti di dire sì. Il Cosenza è in corsa per il primato ed è giusto che giochi alla pari con i peloritani. Stesso discorso vale per noi che abbiamo lo stesso obiettivo del Licata”. Poi Chietti rincara la dose. “Nella gara che abbiamo giocato con il Messina giocammo di pomeriggio mentre i silani affrontarono il loro match la sera. Se il club di Lo Monaco ci avesse chiesto di spostare il match di sera lo avremmo fatto come sempre con molta onestà. Non solo non è stata avanzata tale richiesta, ma siamo stati anche accusati di aver detto no ai peloritani. Stranezze del calcio. Purtroppo accade anche questo, ma io non ho peli sulla lingua e niente da nascondere quindi vi ho raccontato come sono andati i fatti”. Chiuso il capitolo, il tecnico entra nel merito delle questioni tecniche. “Difficile dire chi sia più forte fra Cosenza e Messina. Sono due squadre che giocano un ottimo calcio. Credo che i silani vorranno fortemente una vittoria ma anche noi dobbiamo toglierci dalle sabbie mobili. In campo si va in undici contro undici e nonostante le defezioni della mia squadra daremo battaglia”. Poi prosegue: “Non voglio parlare di chi mancherà. Mi sembra scorretto per i miei ragazzi. Siamo però in leggera emergenza ma carichi mentalmente. Ce la giocheremo”. Le statistiche dicono che il Cosenza non battei campani quasi sessanta lunghi anni. Chietti non guarda i numeri. “Le statistiche appassionano anche me ma il campo è un’altra cosa. Nel rettangolo verde ogni gara ha una storia e anche gli episodi possono cambiare il volto dei novanta minuti. Serve concentrazione e dedizione ma sono certo che sarà un gran match”. Poi un pronostico sulla corsa d’alta classifica. “Non so dire chi la spunterà. Di certo però, sarà una stagione ancora lunga e appassionante”. (f. p.)

Related posts