Tutte 728×90
Tutte 728×90

Giudice sportivo: Matera stangato

Per il Cosenza vanno in diffida Parisi e Fiore, ammoniti contro la Vibonese. I più sono stati inflitti 300euro di multa al club rossoblù per l’accensione di un fumogeno.
Arbitro squalifiche
Il Giudice Sportivo, Notaio Francesco Riccio, assistito dal rappresentante dell’A.I.A., Prof. Antonio Sauro e dal responsabile di segreteria sig. Marco Ferrari nella seduta del 13 maggio 2013, ha adottato una serie di decisioni che interessano solo parzialmente il Cosenza in quanto si tratta delle diffide comminate a Fiore e Parisi. Per i rossoblù anche un’ammenda di 300 euro a causa dei fumogeni accesi dai sostenitori silani. Da segnlare una vera e prorpia stangata sul Matera che dovrà scontare due giornate di squalifica al campo e giocare cotnro il Foggia senza diverse pedine. Ecco la lista copleta dei provvedimenti.

SARNESE-LUPA FRASCATI Il Giudice Sportivo, rilevato che la gara in epigrafe non è stata disputata per rinuncia della società Sarnese delibera di comminare alla società Sarnese la punizione sportiva della perdita della gara con il punteggio di 0-3, nonchè l’ammenda di € 4000 quale prima rinuncia e la penalizzazione di un punto in classifica da scontarsi nella prossima stagione sportiva.
GLADIATOR-FOGGIA Il Giudice Sportivo, rilevato dagli atti ufficiali che la gara in epigrafe è stata definitivamente sospesa dall’Arbitro al 10º minuto del secondo tempo supplementare sul punteggio di 2-4 essendosi la società S.FELICE GLADIATOR, a seguito dell’infortunio occorso ad un proprio calciatore, venuta a trovare con sei calciatori; considerato che una gara non può essere proseguita nel caso in cui una squadra si trovi per qualsiasi motivo ad avere meno di sette calciatori partecipanti al gioco, come previsto dalla regola 3 del Gioco del calcio e dall’art.73, comma 2 delle N.O.I.F.; considerato che a tale condotta corrisponde la sanzione della perdita della gara con il punteggio di 0-3 o con quello più favorevole eventualmente conseguito sul campo dalla squadra avversaria, così come previsto dall’art.17 del C.G.S.; atteso che oggettivamente responsabile del regolare svolgimento della gara e’ la società S.FELICE
Delibera:
1) di comminare alla società S.FELICE GLADIATOR la punizione sportiva della perdita della gara con il punteggio di 0-3.

AMMENDE SOCIETA’:
MATERA: SQUALIFICA DEL CAMPO DI GIOCO PER 2 GARE EFFETTIVE CON DECORRENZA IMMEDIATA DA DISPUTARSI IN CAMPO NEUTRO ED A PORTE CHIUSE ED AMMENDA € 2000,00 Per avere propri sostenitori: nel corso del secondo tempo lanciato due pietre di medie dimensioni all’indirizzo del Direttore di gara e dei componenti la panchina ospite; dal 16º del secondo tempo e fino al termine della gara, rivolto numerose espressioni gravemente offensive, minacciose e discriminatorie per motivi di origine territoriali all’indirizzo di un A.A. che tentavano di intimidire scuotendo la rete di recinzione posta alle sue spalle; nel corso della gara, lanciato due bottigliette di acqua piene di cui una colpiva un A.A. alla coscia destra provocandogli sensazione dolorifica che persisteva per alcuni minuti; per tutta la durata dei tempi supplementari lanciato numerosi sputi all’indirizzo dello stesso A.A. e rivolto al suo indirizzo espressioni blasfeme. Per indebita presenza di persone non identificate ne autorizzate ma chiaramente riconducibili alla società, nel tunnel che conduce agli spogliatoi, le quali protestavano ripetutamente all’indirizzo della Terna Arbitrale. Alcune di loro, inoltre, durante i tempi supplementari, si avvicinavano alla panchina riservata alla società ospitante impartendo disposizioni tecniche agli occupanti; Per comportamento ostruzionistico dei propri dirigenti consistito nel privare i raccattapalle di un congruo numero di palloni arrecando ritardo alle riprese del gioco. Per assembramento ostile a fine gara, di circa 100 propri sostenitori, all’interno dell’impianto sportivo che accerchiavano l’auto sulla quale viaggiavano gli Ufficiali di gara rivolgendo loro espressioni offensive e minacciose. Solo l’intervento delle Forze dell’Ordine, consentiva con difficoltà, l’abbandono dall’impianto sportivo della Terna Arbitrale. Sanzione così determinata sia in considerazione della molteplicità e gravità degli episodi, sia in considerazione della recidiva specifica e generica per i fatti di cui ai C.U. 39-48-63-90-98-135.
Euro 2.500,00 GLADIATOR Per avere i propri sostenitori lanciato ripetutamente sul terreno di gioco numerose bottigliette (70) di acqua all’indirizzo dell’Arbitro e dei calciatori della squadra avversaria, nonché rivolto espressioni offensive e minatorie nei confronti di un Commissario di Campo; propri dirigenti e calciatori non identificati ma chiaramente riconducibili alla società, rivolto al termine della gara espressioni ingiuriose e minacciose nonché lanciato sputi all’indirizzo degli Ufficiali di gara; persona non identificata e non autorizzata fatto ingresso sul terreno di gioco invitando i calciatori della squadra ospitante ad abbandonare la gara. Sanzione così determinata anche in considerazione della recidiva specifica e generica di cui ai C.U. nº 58-63-86. ( R A – R AA – R CdC )
Euro 2.000,00 e diffida MACERATESE Per avere propri sostenitori in campo avverso: introdotto ed utilizzato nel settore ad essi riservato, materiale pirotecnico (un petardo e numerosi bengala e fumogeni); lanciato sul recinto di gioco una bottiglietta di acqua semipiena ed una bandiera con asta senza, tuttavia, colpire alcuno; rivolto, nel corso del primo tempo, espressioni offensive all’indirizzo dell’Arbitro e dell’allenatore della squadra avversaria. Sanzione così determinata in considerazione sia della idoneità del materiale pirotecnico utilizzato a cagionare danni alla integrità fisica dei presenti, sia della recidiva specifica per i fatti di cui ai C.U.nº 90 e 110.
Euro 800,00 LECCO Per avere propri sostenitori in campo avverso introdotto ed utilizzato, nel settore ad essi riservato 4 fumogeni, due dei quali venivano lanciato nel recinto di gioco. Sanzione così determinata in considerazione della idoneità del materiale pirotecnico utilizzato a cagionare danni alla integrità fisica dei presenti.
Euro 400,00 PISTOIESE Per avere propri sostenitori in campo avverso introdotto ed utilizzato materiale pirotecnico (3 petardi) nel settore loro riservato. Sanzione così determinata in considerazione della idoneità del materiale pirotecnico utilizzato a cagionare danni alla integrità fisica dei presenti.
Euro 300,00 MONOPOLI Per avere introdotto ed utilizzato nel corso del secondo tempo, nel settore loro riservato tre fumogeni.
Euro 300,00 COSENZA per avere propri sostenitori lanciato sul campo per destinazione un fumogeno. Sanzione così determinata in considerazione della idoneità del materiale pirotecnico utilizzato a cagionare danni alla integrità fisica dei presenti.
Euro 200,00 VITERBESE Per mancanza di acqua calda nello spogliatoio riservato alla terna arbitrale.

ALLENATORI:
SQUALIFICA PER UNA GARA EFFETTIVA
MANZO VINCENZO (BORGOSESIA CALCIO) Per proteste nei confronti dell’Arbitro, allontanato.
FRANCIONI GIANNI (CASACASTALDA) Per proteste nei confronti dell’Arbitro, allontanato.
CHIRICELLO MARCELLO (MATERA) Per proteste nei confronti dell’Arbitro, allontanato.
ROSSITTO FABIO (PORDENONE) Per proteste nei confronti dell’Arbitro, allontanato.

CALCIATORI:
SQUALIFICA FINO AL 31/12/2014
LUCE MARIO (GLADIATOR) Espulso per avere, alzandosi dalla propria panchina, lanciato una bottiglietta di acqua all’indirizzo dei componenti la panchina avversaria, al termine della gara rivolgeva espressioni offensive e minacciose all’indirizzo di un A.A. e lo attingeva con uno sputo al volto. Il medesimo, sempre al termine della gara, lanciava uno sputo anche contro il Direttore di gara attingendolo al viso
SQUALIFICA PER TRE GARE EFFETTIVE
CAPUTO MASSIMILIANO (MATERA) Per essersi avvicinato alla panchina della squadra avversaria profferendo espressioni che provocavano la reazione di uno degli occupanti e generavano la reazione di quest’ultimo risoltasi in reciproci spintoni.
NUNZIO MAJELLA (MONOPOLI) Per avere colpito un calciatore avversario con uno schiaffo al volto.
SPANO’ DOMENICO (VIBONESE) Per avere a gioco in svolgimento, ma con il pallone lontano, colpito con una manata al volto un calciatore avversario
SQUALIFICA PER DUE GARE EFFETTIVE
OLIVERA SANTOS DIEGO (MATERA) Per avere, in reazione ad un fallo subito, colpito da terra un calciatore avversario allo stomaco.
DE TOMMASO SERGIO (MONOPOLI) Per avere, calciatore in panchina, in reazione ad espressioni provocatorie da parte di un avversario, avvicinato quest’ultimo e generato una colluttazione con spintoni reciproci.
LACRIOLA VINCENZO (MONOPOLI) Per avere, a seguito di un contrasto di gioco, colpido da terra un calciatore avversario con un calcio ad una gamba.
SEGATO NICOLA (PORDENONE) Per avere, in azione di gioco, colpito un calciatore avversario con una gomitata al volto.
DEL SORBO ANTONIO LIBERO (GLADIATOR) Per avere rivolto con atteggiamento irridente espressione offensiva all’indirizzo del Direttore di gara.
BECCI TOMMASO (SANSEPOLCRO) Per avere rivolto espressioni offensive nei confronti del Direttore di gara.
SQUALIFICA PER UNA GARA EFFETTIVA
ANGELO D’ANGELO (CITTA’ DI MESSINA)Per aver fermato il pallone con una mano privando la squadra avversa- ria della evidente opportunità di segnare una rete.
ROSSETTI NICHOLAS (PONTISOLA) Per intervento falloso nei confronti di un calciatore avversario in azione di gioco.
SCHETTINO CIRO (GLADIATOR) Per intervento falloso nei confronti di un calciatore avversario in azione di gioco.
BASTA ALESSANDRO (FOGGIA), CIANO IVANO (MATERA), CRUCIANI MICHEL (MATERA), MARINUCCI PALERMO GIORGIO (MATERA), COLLACCHIONI LORENZO (PISTOIESE), DI PIETRO ANDREA (GLADIATOR), LEONE NICOLA (GLADIATOR), SANTINI ALESSANDRO (VIS PESARO)

Related posts

error: Contenuto Protetto Da Copyright Cosenzachannel.it