Tutte 728×90
Tutte 728×90

Cosenza, ecco i motivi della gaffe

Cosenza, ecco i motivi della gaffe

Mangiarano si è messo già al lavoro, ma ecco perché l’ad Domenico Quaglio aveva così fretta di voltare pagina tanto da prendere in contropiede perfino il neo dg.
quaglio primissimo pianoo
Giuseppe Mangiarano è il nuovo direttore generale del Cosenza che proverà a riportare i Lupi in Lega Pro. Su questo non ci piove. E’ stato annunciato ieri pomeriggio ed in serata, oltre a precisare che la firma arriverà nei prossimi giorni in quanto trattasi di formalità, ha ringraziato il presidente Guarascio. Quello vissuto ieri, tuttavia, non è stato un pomeriggio normale. Perché? Perché ancora una volta Domenico Quaglio ha forzato tempi. Ieri mattina Stefano Fiore ha rilasciato una lunga intervista a Calabria Ora dove, oltre a spaziare dalla A fino ai Dilettanti, ha ovviamente parlato del suo rapporto con la proprietà dei Lupi. Non è andato tanto per il sottile quando ha analizzato la figura dell’ad: “Fino all’anno scorso c’ha messo qualche soldo, ma non so perché resti attaccato a quella poltrona. Forse togliendo di mezzo me, vuole gestire tutto lui o provare a farlo. Ha grande ascendente su Guarascio“. Da qui l’ordine impartito all’ufficio stampa ombra (ma non troppo…) di diramare immediatamente, quale prova di forza, il comunicato con l’ingaggio di Mangiarano. Il testo è tutto un programma, in cui non viene pronunciato nemmeno il nome di battesimo dell’ex segretario del 1914 (poi aggiunto sul sito, ma nelle redazioni la nota ufficiale ne era priva). Pretendere un ringraziamento per l’ex azzurro e il suo staff sarebbe stato in effetti chiedere troppo a questa dirigenza, ma informare quei pochi tifosi che non sapessero come si chiama il nuovo dg era forse dovuto… Ad ogni modo, il diretto interessato pare che sia stato colto di sorpresa dallo scatto di celerità acuta che ha improvvisamente animato l’amministratore delegato. Sì, perché, sebbene l’accordo tra le parti fosse già stato raggiunto, bisognava discutere ancora di tutta una serie di cose: i famosi dettagli. Pertanto, oltre a rimembrare a Quaglio che all’anagrafe fa Giuseppe, Mangiarano non ha perso tempo ed ha iniziato da subito a lavorare su ritiro (Toscana la meta preferita), allenatore (Costantino resta in pole, Favarin ha chiesto troppo) e riconferme (nel pomeriggio tratteremo l’argomento a parte). In serata, discusso anche del budget, la precisazione che evidenzia solo un aspetto: il nuovo direttore generale dovrà ridare credibilità al club.

Related posts