Tutte 728×90
Tutte 728×90

Da Marino tre condizioni per dire sì. Ecco i nomi per la panchina del Cosenza

Da Marino tre condizioni per dire sì. Ecco i nomi per la panchina del Cosenza

Per diventare dg la società deve chiudere al più presto con Biccio, Guadalupi e Mosciaro, ufficializzare lo sponsor tecnico e comunicare il ritiro. Napoli, Erra e Rigoli le piste calde.
msarinooL’ex bandiera del Cosenza Francesco Marino potrebbe tornare da direttore generale
Ciccio Marino è motivato, ma anche combattuto. Da un lato non vede l’ora di potersi cimentare nuovamente nella sua città e nello stadio che lo ha portato ad essere una delle icone del calcio cittadino, dall’altro ha chiesto una serie di garanzie alla società per poter creare i giusti presupposti. Guarascio e Quaglio rappresentano le incognite maggiori per ogni progetto tecnico, tanto che anche Marino (al pari di Mangiarano) ha posto tre condizioni per poter accettare l’incarico. La prima riguarda le conferme dei calciatori simbolo del biennio griffato Stefano Fiore: Mosciaro, Guadalupi e Arcidiacono andrebbero bene a qualsiasi allenatore. Sono stati contattati direttamente dal club: l’agente del bomber ha riposto di essere disposto a parlare soltanto dopo la nomina del dg, mentre il procuratore degli altri due tornerà giovedì a Cosenza. Il nodo riguarda le spettanze arretrate: nessun calciatore lascerà un centesimo come avvenuto un anno fa ed in molti non perderebbero tempo a passare alla vie di fatto. Completato il pagamento degli stipendi, poi potrebbero intavolarsi le trattative. La seconda condizione richiesta da Marino riguarda la sede del ritiro: va bloccata immediatamente per iniziare un lavoro di organizzazione logistica. Sarebbe interessante chiedere al club chi dovrebbe occuparsi di tutto ciò se al momento ogni carica è stata azzerata (tranne quella di Quaglio ovviamente). Il terzo punto è lo sponsor tecnico: con la Onze il discorso si è arenato per poche migliaia di euro. Si riaprirà una trattativa?
CAPITOLO ALLENATORE. Qualora Marino accetti l’incarico di direttore generale, c’è una lista di nomi da cui dovrebbe saltare fuori il nuovo titolare della panchina del San Vito. Stavolta Pino Rigoli è da considerarsi uno dei papabili, così come Alessandro Erra. In pole position però sembra esserci Tommaso Napoli che è anche stimato da Guarascio, mentre è normale accostare al vecchio capitano dei Lupi un ex compagno di squadra, e un amico fraterno, quale Gigi De Rosa. Qualche speranza pure per Stefano De Angelis, mentre su Gianluca Gagliardi c’è il veto della società. Le qualità del tecnico, sotto contratto fino al 30 giugno, però non sono passate inosservate in giro per lo Stivale: piace al Matera e il suo nome circola da mesi a Salerno. (Luigi Brasi)

Related posts