Tutte 728×90
Tutte 728×90

Occhiuto: “Palazzo dei Bruzi starà vicino al Cosenza”. Alle 12 c’è Cappellacci

Occhiuto: “Palazzo dei Bruzi starà vicino al Cosenza”. Alle 12 c’è Cappellacci

Il sindaco e l’Assessore Manna hanno ricevuto Guarascio e Quaglio chiarendo loro che non potranno essere elargiti contributi: “Riteniamo assolutamente necessario il coinvolgimento dell’Amministrazione provinciale,“.
occhiuto-guarascioIl sindaco Mario Occhiuto e il presidente ella Nuova Cosenza Calcio Eugenio Guarascio
Oggi pomeriggio il sindaco Occhiuto e l’Assessore allo Sport Manna hanno ricevuto a Palazzo dei Bruzi il presidente della Nuova Cosenza Guarascio e l’amministratore delegato Quaglio. A differenza delle scorse occasioni, si è trattato di un incontro istituzionale nel quale il numero uno di Via degli Stadi ha fornito garanzie sulla volontà del ripescaggio. I colloqui, infatti, si sono spostati sul futuro prossimo, a Lega Pro acquisita. Ci sarà la necessità di iscrivere ai campionati di appartenenza più squadre giovanili e servono strutture che possano ospitarne gli incontri, parallelamente va organizzato il centenario. Il primo cittadino si è detto disponibile a stare vicino alla società cercando di agevolare il club dal punto di vista infrastrutturale, ma ha chiarito che non potranno essere elargiti dei contributi a causa della spending review e delle normative vigenti. Questa la nota diramata da Palazzo dei Bruzi: “Il nostro intento – hanno esordito i due esponenti rossoblù davanti al primo cittadino e al delegato all’impiantistica sportiva – è quello di seguire un percorso chiaro, costruendo una realtà sana che sia all’insegna della legalità e della trasparenza”. Accanto ai buoni propositi e alla soddisfazione per essere lì lì nel cosiddetto calcio che conta, i rappresentanti della Nuova Cosenza non hanno potuto fare a meno di manifestare preoccupazione per i costi esosi di gestione che il salto di categoria nella prossima stagione andrebbe a comportare, sondando di fatto il terreno se esistano i presupposti affinché il Comune possa offrire un supporto in tal senso. “Noi auspichiamo assolutamente – ha subito rimarcato loro Occhiuto – che si verifichi questo salto di qualità con il ritorno in Lega Pro, perché riteniamo si tratti di un giusto risarcimento morale e materiale che spetta in primo luogo ai tifosi che, depauperati da anni di vicissitudini, attendono una meritata gioia. Io personalmente sono contento che si faccia finalmente controtendenza rispetto al passato, attraverso l’esperienza di una società seria che abbiamo contribuito a costituire al momento dell’insediamento. Come si ricorderà, avevamo trovato una società fallita, chiamando a raccolta imprenditori che hanno risposto positivamente, e questo non succedeva da parecchio. Quindi, scongiurando il rischio di lasciare il capoluogo bruzio senza una squadra di calcio, sono stati disputati due campionati al vertice e sono anche stati vinti i playoff. Insomma – ha aggiunto il Sindaco – le somme che tiriamo oggi sono positive e per questo – ha affermato rivolgendosi a Guarascio e a Quaglio – sento di dirvi grazie a nome della città. Come mi sento di ringraziarvi pure per essere riusciti a creare una società recependo le nostre indicazioni di solidità e trasparenza, che del resto erano poi la principale richiesta fattaci dal presidente Abete”. Il sindaco Mario Occhiuto ha tuttavia precisato che, com’è noto, l’Ente Comune, in pre-dissesto finanziario ed in regime di spending review, non può erogare contributi finanziari ad aziende private. Ad ogni modo il sostegno non verrà mai meno, sebbene sotto altre forme. “La nostra istituzione – gli ha fatto eco l’assessore Manna – non dispone di risorse finanziarie utili alla causa ma continuerà sicuramente a mettere a disposizione della Nuova Cosenza Calcio lo stadio San Vito, valorizzando l’impianto e portando vantaggio all’economia residuale della squadra. Non mancherà quindi il supporto in termini logistici anche per quanto riguarda il settore giovanile che, tornando fra i professionisti, andrebbe ad essere ulteriormente incrementato”. Nel corso dell’incontro si è inoltre parlato di eventuali iniziative riguardanti il Centenario della nascita del Cosenza calcio che si celebrerà nel 2014. Ma, al momento, lo sguardo è rivolto all’imminente start nella Lega Pro in procinto, fra l’altro, di essere unificata diventando ancora più prestigiosa. Convinto che la funzione dello sport sia quella di forte collante sociale e culturale, il sindaco Mario Occhiuto ha tenuto a rievocare il periodo in cui il Cosenza Calcio era attrazione settimanale per supporter affezionati provenienti da tutto il territorio provinciale. “A questo punto – ha concluso – ritengo assolutamente necessario il coinvolgimento dell’Amministrazione provinciale, perché il Cosenza Calcio non è prerogativa cittadina e basta, il Cosenza Calcio appartiene a tutta la Provincia. L’auspicato rientro nei professionisti sarebbe un ritorno di immagine non indifferente per una delle province più vaste d’Italia che, veicolando il messaggio sportivo, tornerebbe così a promuovere le bellezze del territorio sul palcoscenico nazionale”. La palla, è il caso di dire, passerà ora, appunto, all’Ente Provincia, quindi alla Camera di Commercio, alla Confindustria, agli Ordini professionali e ad altri soggetti di rappresentanza istituzionale che il presidente Eugenio Guarascio ha in agenda di incontrare, mentre nel contempo si perfeziona l’incartamento per l’iscrizione alla Lega dei professionisti. In sintesi: il Comune viaggia di fianco alla Nuova Cosenza Calcio, il suo contributo c’è.“.
CAPPELLACCI. Intanto la società ha fatto sapere che “il nuovo allenatore della Nuova Cosenza Calcio, Roberto Cappellacci, sarà presentato agli organi diinformazione domani mattina, martedì 23 luglio 2013. L’incontro si svolgerà alle ore 12 nella sede del Coni in Piazza Matteotti” (Luca Sini)

Related posts