Tutte 728×90
Tutte 728×90

Giordano è del Cosenza: “Felice per la nuova avventura”

Giordano è del Cosenza: “Felice per la nuova avventura”

Il centrocampista ha raggiunto l’accordo con Marino questo pomeriggio presso gli studi dell’ad Quaglio. Partirà per il ritiro di Pescina insieme agli altri calciatori rossoblù.
giordano siracusaIl nuovo centrocampista dei rossoblù Carmine Giordano, ex Pescina e Siracusa
Carmine Giordano (31) si può considerare a tutti gli effetti un calciatore del Cosenza. Certo, per firmare il contratto che lo legherà fino al 30 giugno del 2014 al club di Via degli Stadi ci vorrà almeno il 5 agosto, ma domani pomeriggio si ritroverà a Pescina insieme agli altri calciatori per iniziare la preparazione al campionato di Seconda divisione. Giordano ha raggiunto oggi pomeriggio l’accordo con la società, dopo un incontro tenutosi negli studi dell’amministratore delegato Quaglio con il direttore generale Ciccio Marino. Il dg dei Lupi lo aveva annunciato già ieri in conferenza, adesso la conferma dopo le visite mediche. Si tratta di un mediano dalla grande esperienza e dalla grande affidabilità. In carriera ha vestito le maglie della Viribus Unitis e della Battipagliese in D agli albori della sua carriera, mentre in Lega Pro ha militato con Nocerina, Legnano, Pescina, Siracusa (con cui vinse 2-1 al San Vito nel 2010-2011) e Trapani. Cappellacci lo ha avuto alle sue dipendenze proprio nell’esperienza alla Valle fel Giovenco e, propostogli da Marino, non ha esitato a dare il placet all’operazione. Queste le prime parole dell’ultimo acquisto dei Lupi: “Sono felice di aver iniziato una nuova avventura – ha detto – Mi trovo in una piazza importante, giocare a Cosenza è importante per me. Voglio rilanciarmi dopo l’infortunio patito nella scorsa stagione e sono sicuro che farò bene. Voglio ringraziare il direttore Marino e il mister Cappellacci per avermi voluto in rossoblù, li ripagherò in campo. Le mie caratteristiche? Sono un centrocampista di quantità, ma mi trovo bene sia in un centrocampo a quattro che a tre. Non vedo l’ora di iniziare”. (Luigi Brasi) 

Related posts