Cosenza Calcio

Dall’Alalà del Podestà Arnoni al ripescaggio del ’78. Lunedì sarà il quarto della storia (I parte)

Nell’estate del 1930 il Cosenza fu inserito nel torneo di Prima divisione girone E grazie all’allargamento dell’organico. Il merito fu del presidente Icilio Bonetti.
cosenza 1930Una foto che ritraeva il Cosenza Sport Club in una formazione del 1930
Tra una settimana esatta il Consiglio Federale della Figc ratificherà l’organico della Seconda divisione per poi diramare i calendari qualche giorno più tardi. Quello che i tifosi del Cosenza stanno vivendo non è un luglio particolarmente caldo dal punto di vista delle notizie, anche perché sin da subito si è avuta l’impressione che, a differenza degli altri anni, un posto per i rossoblù in Lega Pro ci sarebbe stato. Il presidente Guarascio ha poi sorpreso tutti accollandosi l’onerosità del ripescaggio (100mila euro a fondo perduto) e garantendo tramite fidejussione 700mila euro. E’ la seconda volta nella storia dei Lupi che un salto di categoria viene “acquistato” e non concesso dalla Federazione, ma esistono in totale tre precedenti che raccontano di un’estate positiva per i Lupi nonostante il verdetto del campo non avesse espresso parere favorevole. In alcuni casi, però, si trattò di “ammissioni” rese necessarie dalle modifiche ai format dei campionati di Serie C.
1930. Nel torneo 1929-1930 l’allora Cosenza Sport Club allenato da Luigi Cava iniziò l’avventura nel campionato di Seconda Divisione direttorio Meridionale. E’ questo il primo torneo ufficiale al quale partecipò un sodalizio della Città dei Bruzi. Il presidente era il Commendatore Icilio Bonetti che si diede da fare per allestire una squadra competitiva, ma che al termine della stagione raggiunse solo un settimo posto, frutto di 17 punti in 18 incontri. Il 18 agosto, tuttavia, il podestà di Cosenza Tommaso Arnoni, spedì da Roma un telegramma che generò entusiasmo in seno agli sportivi silani. “Alalà! Cosenza ammesso campionato I divisione purché prima 10 corrente mese invii direttorio divisioni superiori via Piave 43 Milano domanda et lire 1200“. Si trattò, come raccontano le cronache dell’epoca, un premio per tutti quei cosentini che avevano sostenuto sino ad allora la squadra con passione ed entusiasmo e per i dirigenti che già allora non avevano fatto per nulla un affare a prendersi la responsabilità di guidare il club. L’onere di organizzare il campionato fu devoluto dalla F.I.G.C. al Fiduciario per il Sud del D.D.S. (già Direttorio Meridionale) in vista del successivo e definitivo passaggio anche dei gironi “Sud” sotto la gestione del D.D.S. L’aumento dei gironi impose l’istituzione di distinti raggruppamenti finali che mettevano in palio tre posti per la Serie B: due per le squadre Nord e uno per quelle Sud. Il Cosenza fu inserito nel girone E e Bonetti affidò la panchina a Ratti che sostituì Cava. I risultati tuttavia non furono incoraggianti, tanto da provocare l’esonero del tecnico e l’arrivo di Benincasa. Le autorità accettarono di costruire un nuovo campo, ma in cambio pretesero che i colori sociali fossero mutati con quelli del comune di appartenenza. Ecco perché si passo all'”Azzurro Savoia” e al “Blu cupo” fino al match contro la capolista Salernitana. L’ospitalità, visto che i campani giocavano con la medesima casacca, imponeva di cambiare colori. Non ci fu dubbio alcuno su quali indossare, tanto che sugli spalti fu un tripudio di bandiere rossoblù. Da quel momento a nessuno più venne in mente di cambiare ancora. I Lupi chiusero al terz’ultimo posto, ma salvaguardarono la categoria. (Luigi Brasi)
CLICCA QUI PER LA SECONDA PARTE DELLO SPECIALE DI COSENZACHANNEL.IT

Mostra altro

Redazione Cosenza Channel

Cosenza Channel è una testata giornalista nata nel 2008 con l’idea di occuparsi principalmente delle notizie sul Cosenza Calcio. Il successo conseguito sin dai primi anni ha permesso alla testata di avviare una collaborazione televisiva per mandare in onda un format che parlasse di calcio, in particolare dei Lupi e poi delle altre squadre calabresi. La svolta arriva nel 2016, quando la redazione amplia i contenuti del portale d’informazione, pubblicando notizie di attualità. Il 5 settembre 2019 Cosenza Channel si trasforma completamente. Nuova grafica, contenuti esclusivi, con l’obiettivo di crescere e rendere un servizio informativo sempre più attendibile e di qualità.

Articoli correlati

Back to top button
error: Contenuto Protetto Da Copyright Cosenzachannel.it
Close

Adblock Rilevato

Supporta Cosenzachannel.it, disabilita il tuo Adblock per la nostra pagina