Tutte 728×90
Tutte 728×90

Cappellacci conferma Calderini dietro Mosciaro: “Ho dei dubbi in mediana”

Cappellacci conferma Calderini dietro Mosciaro: “Ho dei dubbi in mediana”

Il tecnico pronto ad affrontare la Casertana: “Ho maggiori soluzioni, forse giocherà uno tra Meduri e Castagnetti. Voglio dare maggiore equilibrio alla squadra”
capp cs nel cuoreCappellacci stamattina durante la rifinitura con la t-shirt dell’associazione “Cosenza nel Cuore”
Roberto Cappellacci non si è fatto distrarre dai pensieri che turbano le giornate di Ciccio Marino ed ha continuato a lavorare sul campo in vista della trasferta di domani a Caserta contro una delle squadre più forti del torneo. “Non partiamo battuti – ha detto – Anche i Falchetti sono indietro nella condizione, ma comunque sono davanti a noi. Capuano è un tecnico che sa caricare bene lo spogliatoio e l’ambiente, in più ha un organico di valore”. Il trainer campano ieri ha sottolineato che in campo andranno i calciatori e non i nomi, facendo riferimento alla sfortunata esperienza di Cappellacci al Pescina. “Confermo, sono d’accordo. Militiamo in una categoria dove se non corri e non giochi sui nervi, fai una brutta fine. Serve equilibrio per ogni cosa. Capuano è un precursore della retroguardia a tre: la utilizzava già anni fa e non come molti nostri colleghi da quando è diventata una moda”. A proposito di equilibrio, l’allenatore pensa a qualche modifica di formazione. “Mi riservo di prendere una decisione soltanto a ridosso del fischio di inizio, ma sto valutando se schierare al fianco di Giordano uno tra Castagnetti e Meduri e prevedere una staffetta. Non è da escludere, tuttavia, che la riconoferma dell’undici che ha battuto il Tuttocuoio. Ho convocato anche Palazzi che è reduce dell’impegno internazionale col San Marino, ma non sappiamo se farà in tempo a rientrare ed aggregars a noi”. Sull’out mancino è pronto Mannini che giovedì in partitella ha siglato una doppietta. I tifosi sognano di vedere dall’inizio la coppia Mosciaro-De Angelis. “Possono giocare insieme, ma dovrei confermare Calderini alle spalle di Manolo. La nostra condizione è in crescita, ma non siamo ancora una squadra a tutti gli effetti. Sappiamo che dobbiamo fare sempre risultato e anche al Pinto non ci tireremo indietro”. (Luca Sini) 

Related posts