Tutte 728×90
Tutte 728×90

Calderini non si scompone: “La panchina? Accetto con serenità le scelte del mister”

Calderini non si scompone: “La panchina? Accetto con serenità le scelte del mister”

Per il fantasista dei Lupi, “il pazzo” come lo chiamano i compagni, nessun problema ad iniziare ancora tra le riserve: “Vorrà dire che mi farò trovare pronto quando serve”.
calderin a terra guardaElio Calderini aspetta in silenzio il suo turno per tornare in campo dall’inizio (foto mannarino)
Lo chiamavano “il pazzo” ma lui tiene a precisare che è un soprannome che oggi, con una famiglia ed una figlia di due anni, non calza più: stiamo parlando di Elio Calderini, il trequartista che già alla prima giornata sembrava essersi conquistato un posto di primo piano nella squadra di Cappellacci ma che domenica scorsa è rimasto relegato in panchina. “A tutti dispiace non giocare – commenta – mentirei affermando il contrario, ma è il mister che sceglie la formazione e lo fa valutando diversi fattori. Ho accettato con serenità questa decisione perchè è il gruppo che va tutelato prima di tutto, io mi farò trovare pronto quando verrò chiamato in causa”. È un giocatore che non conosce vie di mezzo, lui stesso ammette di essere un calciatore che fa bene o che fa male, tutto insieme, brillando in mezzo al campo o restando magari un pò in chiaroscuro. Tuttavia si dice disponibile a snaturare anche il suo ruolo naturale di trequartista per aiutare, se richiesto, un pò più il centrocampo. “A tutti piace fare gol – dice Calderini – ma sacrificarsi per i 3 punti è importante. Abbiamo rispetto ad altre compagini una squadra esperta, con giocatori forti e di categoria superiore che a noi spetta seguire in campo, cercando di imparare quanto più possibile da loro. Quando mi hanno chiamato per venire a giocare a Cosenza il direttore Marino e mister Cappellacci, con cui avevo giocato contro lo scorso anno, sono stato colpito dell’entusiasmo che mi hanno dimostrato e dal progetto di squadra che mi hanno proposto. Nessuno ha il posto fisso, il San Vito è uno stadio importante e sappiamo di doverci sudare la maglia da titolare; lo sapevamo prima e lo sappiamo oggi, il prossimo obiettivo è la vittoria conotro la Vigor e sono sicuro che chiunque scenderà in campo, lo farà dando tutto se stesso”. (Mariella Lonoce)

Related posts