Tutte 728×90
Tutte 728×90

Cappellacci nasconde i Lupi e in partitella mischia le carte

Cappellacci nasconde i Lupi e in partitella mischia le carte

Quattro reti nel test con la Berretti di Florio grazie alle reti di Criaco (tripletta) e Aguai. L’allenatore non ha fornito indicazioni attendebili per la formazione anti-Vigor.
partitella estivaI rossoblù in allenamento. Cappellacci ha nascosto la formazione che affronterà la Vigor
Il Cosenza, questo pomeriggio, sul terreno di gioco del San Vito ha disputato la consueta partitella del giovedi contro la Berretti di Franco Florio. Mister Cappellacci ha mischiato un po’ le carte ed inizialmente ha schierato i suoi ragazzi con il 4-2-3-1 con Orlandi tra i pali; Adamo, Pepe, Blondett e Mannini sulla linea difensiva; Meduri e Castagnetti in mediana; Criaco, Aguai e Alessandro sulla linea dei trequartisti; De Angelis come unico terminale offensivo. Franco Florio, invece, ha risposto con un 4-4-2 con Frattali; Montagnese, Rizzo, Muraca, Pansera; Reda, Rino, Maiolo, Fiorita; Nigro, Costabile. La prima frazione di gioco, che è durata circa 25 minuti, è terminata con il punteggio di 4-0 grazie alle reti messe a segno da Criaco autore di una tripletta e dal brasiliano Aguai. Mister Cappellacci prima di far disputare la seconda frazione di gioco ha ordinato ai suoi uomini alcune esercitazioni tattiche undici contro undici provando attacco contro difesa. Terminate le esercitazioni è ripresa la sgambatura e il tecnico abruzzese ha schierato: Fabiano; Bigoni, Blondett, Guidi, Palazzi; Giordano, Donazzan; Pollina, Calderini, Napolano; Mosciaro. Il secondo tempo è durato circa dieci minuti ed è terminato a reti inviolate. Non hanno preso parte alla partitella Carrieri e Carbonaro. Carrieri è rimasto fermo a causa di una botta subita, nell’allenamento di ieri, alla stessa caviglia che lo aveva costretto a rimanere fermo ad inizio stagione. Il difensore, con molta probabilità, dovrà restare fermo per altri dieci giorni. Carbonaro, invece, soffre ancora a causa di un dolore agli adduttori ed ha lavorato a bordo campo senza forzare. Da segnalare, infine, la presenza a bordo campo dell’amministratore delegato Quaglio e del presidente Guarascio, mentre in tribuna c’era il dg Ciccio Marino. (Antonello Greco)

Related posts